Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Pc si presenterà alle regionali: «Ci candidiamo contro la destra e il Pd. Ora servono 10mila firme»

Più informazioni su

GROSSETO – Si è concluso il comitato regionale del Partito Comunista in Toscana, in cui è stato deciso di raccogliere le firme per presentarsi alle elezioni regionali che si terranno nella primavera 2020 con Salvatore Catello candidato presidente e Lenny Bottai come capolista.

“La raccolta firme presenta un obiettivo molto alto – commentano dal comitato Pc grossetano -, oltre 10mila firme suddivise su tutto il territorio regionale. Ovviamente questo trattamento non è riservato ai partiti presenti al Consiglio regionale, che invece non devono raccoglierle. Evidentemente il confronto fa paura, visto che anche lo sbarramento per accedere è al 5%, limitando di fatto la rappresentanza. La loro idea di democrazia è non permettere all’avversario di presentarsi”.

“La nostra candidatura vuole essere una forte denuncia al ‘sistema’ Pd, che sta portando la Toscana verso il baratro, con le sue politiche antipopolari che spianano la strada alla vittoria della peggiore destra – continuano -. Solo i comunisti possono contrastare quest’ascesa, solo i comunisti si oppongono alle privatizzazioni della sanità, dei trasporti e dell’istruzione che entrambi gli schieramenti (Pd e Lega) vogliono portare avanti; solo i comunisti possono evitare inceneritori, pirogassificatori, carbonizzatori e simili; solo i comunisti possono evitare la cementificazione selvaggia con aeroporti, autostrade, tunnel e scempi all’ambiente vari che entrambi gli schieramenti vogliono portare avanti. Si fingono tutti ecologisti ma soltanto fino a che non arrivano i padroni che vogliono arricchirsi a scapito dell’ambiente e della popolazione”.

“I comunisti saranno in prima fila per condannare i profitti fatti dai capitalisti, aiutati dai politici di centrosinistra e centrodestra, a scapito dei lavoratori e delle classi popolari della nostra regione – proseguono dal comitato del Pc grossetano -. I comunisti vogliono far avanzare gli interessi dei lavoratori e delle classi popolari, contro l’Unione europea che ci ha bloccato in una gabbia dove tutto sarà privato, dove tutto sarà a pagamento, partendo dall’acqua (nonostante il referendum sulla ripubblicizzazione), dove ci saranno sempre più disoccupati e precari e dove quei pochi che lavorano lo faranno sempre in condizioni peggiori, lavorando di più, con meno tutele, diritti e salari, rischiando sempre di più la propria vita sul lavoro. I comunisti ci saranno per dare un futuro alle nuove generazioni, con scuole che non cadano in testa agli studenti, che siano efficienti e gratuite, contrastando la creazione di una scuola di serie A e una di serie B”.

“Per tutte queste ragioni e per altre ancora, facciamo appello a tutti. Questo è l’unico partito dei lavoratori e delle classi popolari. Contro la destra, contro il Pd – concludono -. La Toscana è di nuovo rossa”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.