Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuova caserma, Gambassi attacca: «Venti anni di chiacchiere e spese»

ROCCASTRADA – “Il sindaco Limatola ha iniziato a fare propaganda nei social media in attesa dell’inaugurazione ufficiale con l’Arma e la prefettura, ma i cittadini, lieti nel rivedere la caserma in funzione a Roccastrada, non dimenticano 20 anni di chiacchiere e di spese per pagare dal 2008 ratei di un mutuo, senza procedere come promesso a ultimare i lavori. Non dimenticano che il “miracolo” è avvenuto solo dopo l’intervento (archiviato) della magistratura contabile”. Inizia così la dura nota di Mario Gambassi, consigliere comunale a Roccastrada per la lista “Cambiare in Comune”.

“Un intervento – scrive Gambassi – che invitava a fornire spiegazioni sulla non realizzazione dell’opera, considerando il sindaco Limatola, i suoi predecessori e le giunte succedutesi negli anni altrimenti responsabili di un presunto danno erariale di oltre 426.000 euro da restituire di tasca propria alle casse comunali, dopo il quale la situazione si è sbloccata e la caserma è stata realizzata, per la soddisfazione dei cittadini, del comitato per la sicurezza e delle opposizioni, che da quasi 20 anni chiedevano invano di intervenire. Oggi il sindaco Limatola si appropria del merito della realizzazione della Caserma, come se tutto il Pd negli anni avesse lavorato in tal senso: facoltà del potere mediatico, che gli dà modo di farsi bravo con qualche tardiva delibera e di attaccare l’opposizione che ha messo in evidenza le sue inadempienze”.

“Ma la realtà è un’altra – aggiunge il consigliere comunale – Senza la pressione incessante delle opposizioni, dei cittadini, dei comitati e la “spintarella”della magistratura contabile, la palazzina (costata 320 mila euro alle tasche dei cittadini) continuava a rimanere un fantomatico deposito destinato al degrado e la promessa della caserma si ripeteva ad ogni tornata elettorale”.

“Come lista civica di opposizione “Cambiare In Comune” – conclude Gambassi – fuori dal coro degli smemorati, vogliamo ringraziare i cittadini e in particolare le opposizioni, che hanno, in ogni modo e per tanti anni, sollecitato il ritorno della caserma dei carabinieri a Roccastrada. Abbiamo raggiunto l’obiettivo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.