Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Energie rinnovabili, mozione di Marras per i tecnici che operano negli impianti

GROSSETO – Modificare la delibera regionale che detta gli indirizzi per la formazione professionale dei tecnici delle imprese che operano sugli impianti alimentati a fonti energetiche rinnovabili e attivarsi con il Governo affinché tali figure professionali siano riconosciute all’interno dell’albo degli artigiani. Questo, in sintesi, l’impegno chiesto alla Giunta regionale dalla mozione promossa dal capogruppo Pd Leonardo Marras e approvata ieri dall’aula del Consiglio regionale.

“L’obiettivo di questo atto – spiega Marras – è quello di porre l’attenzione su una criticità che in molti mi hanno segnalato che credo debba esser risolta in tempi brevi per tutelare i professionisti degli impianti Fer”. La qualifica Fer è una qualifica professionale per l’attività di installazione e manutenzione straordinaria di caldaie, caminetti e stufe a biomassa, di sistemi solari fotovoltaici e termici, di sistemi geotermici a bassa entalpia e di pompe di calore; è stata introdotta nel 2011 dal decreto rinnovabili, nel 2013 è stata adottata dalla Conferenza delle Regioni che ha previsto particolari programmi formativi.

“La criticità – prosegue Marras – consiste nel fatto che i termini della formazione obbligatoria da una prima previsione al 31 dicembre 2016 sono passati a quella del 30 giugno 2017 per essere poi spostati fino al 31 dicembre 2019 provocando, di fatto, una sostanziale difformità tra coloro che adempiuto correttamente nei tempi previsti e coloro che si sono attivati solo successivamente o devono ancora concludere la formazione prevista”.

La Regione Toscana ha già valorizzato una prima volta gli operatori che hanno effettuato l’aggiornamento professionale tra il 1 agosto 2016 e il 30 giugno 2017 allungando la validità dello stesso fino a dicembre 2020 quindi per un periodo che va oltre i tre anni previsti ordinariamente.

“La situazione attuale continua ad essere di disparità, per questo – spiega ancora Marras – è necessario che la Regione ne prenda atto e valuti una nuova scadenza di validità del primo aggiornamento professionale portandola al 31 dicembre 2022 così da mettere sullo stesso piano coloro che hanno rispettato fin da subito le disposizioni della norma e coloro che, invece, hanno beneficiato delle successive proroghe all’obbligo di formazione. Oltre a questo è importante anche raccogliere le istanze delle associazioni di categoria che chiedono che questa figura professionale venga riconosciuta all’interno dell’albo degli artigiani e la formazione obbligatoria venga registrata nelle visure camerali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.