Museo archeologico e Chelliana uniti in un unico servizio: «Scelta di buon senso»

GROSSETO – È stata approvata dal Consiglio comunale la modifica al regolamento del Museo archeologico e d’arte della Maremma.

Le modifiche discusse questa mattina dall’assise sono legate alla riorganizzazione della struttura che viene accorpata alla biblioteca comunale in un unico servizio, con un unico responsabile amministrativo e funzionale.

Allo stesso tempo, essendo il Museo archeologico e d’arte della Maremma un museo di rilevanza regionale, così come da normativa regionale e nazionale è prevista una figura ad hoc di direttore scientifico che sarà individuato con una specifica selezione a evidenza pubblica.

“Il pensionamento dell’attuale direttrice del museo ci ha spinti a una scelta mirata – spiegano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e il vicesindaco e assessore alla Cultura Luca Agresti -: scorporare i ruoli puramente amministrativi e gestionali da quelli di valore scientifico. L’idea di unire biblioteca e museo dal punto di vista della gestione amministrativa è una scelta di buon senso e ponderata da vari punti di vista. Il nuovo direttore scientifico potrà così gestire la parte delle attività prettamente museali e sarà totalmente dedicato alla valorizzazione dei reperti, alla formazione e alla didattica con le scuole, alla promozione e a tutte quelle attività di natura culturale che potranno essere ulteriormente potenziate e rilanciate nel panorama locale e nazionale”.

Commenti