Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Forza Italia: «In Toscana due soli centri per i vaccini contro le vespe. E Grosseto non c’è»

GROSSETO – «La Regione Toscana continua ad eseguire scelte sbagliate per la Sanità Toscana ed in particolare per quella Maremmana» affermano l’onorevole Elisabetta Ripani e il coordinatore provinciale di Forza Italia Sandro Marrini .

«Dal gennaio di quest’anno, per delibera regionale, sono stati scelti due soli centri regionali dove poter erogare e somministrare i vaccini per l’allergia agli imenotteri (vespe, api e calabroni), ossia Firenze e Siena. Tale scelta è stata fatta senza tener conto delle professionalità e dei servizi già presenti sul territorio e senza tenere conto dei disagi che ciò avrebbe implicato per l’utenza, che ha l’obbligo di recarsi bimestralmente ad assumere la dose necessaria per evitare lo shock anafilattico. In particolare, a Grosseto già da molti anni tale servizio al cittadino veniva svolto con successo presso l’ambulatorio allergologico della pneumologia dell’Ospedale Misericordia, ma al momento tale servizio è stato pressoché abolito, obbligando i pazienti dell’area grossetana a recarsi a Siena. In conseguenza di questa forzata migrazione le liste di attesa di Siena si sono notevolmente allungate e al contempo, i cittadini maremmani vengono costretti ad un viaggio in più, l’ennesimo».

«A questo punto chiediamo alla dirigenza della Asl sud est se non era possibile evitare ai pazienti anche questo disagio e ai medici del Misericordia l’ennesima mortificazione professionale – proseguono Ripani e Marrini -. Anestesisti che possano supportare eventuali complicanze a seguito della terapia vaccinale sono presenti anche a Grosseto e, se le linee guida prevedono la presenza di uno specialista allergologo, si poteva ovviare al problema predisponendo che un allergologo di Siena affiancasse settimanalmente i colleghi di Grosseto. La Regione e l’assessore Rossi, invece di esaltare le grandi opere architettoniche, come la nuova ala del Misericordia, dovrebbe gratificare e valorizzare le competenze che sono già in essere e soprattutto facilitare la vita all’utenza, offrendo in loco maggiori servizi. Forza Italia crede che una buona sanità scaturisca dal venire incontro alle lecite esigenze del cittadino e promuovere e valorizzare le professionalità già presenti e che negli anni hanno provveduto a portare avanti questa terapia salvavita».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.