Pd: «L’amministrazione preleva un milione di euro dall’avanzo di bilancio, ma non c’è richiesta scritta. Intervenga il prefetto»

ORBETELLO – “Nel Consiglio Comunale di oggi, 31 luglio, la maggioranza ha approvato la ratifica di una variazione di bilancio di 1.641.915 euro, deliberata dalla Giunta il 28 giugno” lo scrivono, in una nota, i consiglieri di minoranza del gruppo Pd-Area riformista Luca Aldi, Mauro Barbini, Monica Paffetti e Anna Papini.

“La cifra di un milione di euro – continua la nota – era prelevata dall’avanzo di amministrazione e destinata alla manutenzione straordinaria delle strade. Poiché la legge e il regolamento di contabilità comunale prevedono che le variazioni di bilancio possono essere deliberate dalla giunta solo in casi d’urgenza e su richiesta del dirigente del settore, debitamente motivata, abbiamo chiesto al dirigente dei lavori pubblici la copia della richiesta. La risposta è stata che nessuna richiesta era stata inoltrata alla Ragioneria e abbiamo poi saputo che era stata fatta a voce da un amministratore”.

“Pertanto, in Consiglio, abbiamo chiesto al sindaco come erano andate le cose e lui ci ha candidamente e incredibilmente risposto che non serviva una richiesta, perché è indirizzo della Giunta quello di sistemare le strade, riproponendo il solito ritornello che se avessimo votato contro non avremmo fatto gli interessi dei cittadini – proseguono i consiglieri -. Quindi il Comune di Orbetello è diventato una “Repubblica delle Banane”: gli amministratori non osservano le norme di legge e di regolamento, ma, a voce, come se fosse un prelievo personale presso la propria Banca, dicono alla Ragioneria che occorre prelevare dall’avanzo un milione di euro per una destinazione generica di sistemazione delle strade. Oltretutto all’insaputa del Dirigente dei Lavori Pubblici, che, in seguito a questo stanziamento, avrebbe dovuto anche modificare il piano triennale delle opere pubbliche”.

“Manderemo subito una nota al Prefetto – concludono -, perché non è possibile che un Comune venga governato da un sindaco che non osserva leggi dello Stato e i regolamenti comunali”.

 

 

Commenti