Super-Tec, dalla formazione all’occupazione: in Maremma dieci nuovi progettisti industriali

SCARLINO – Ottocento ore di formazione, tra teoria e pratica, da dicembre a giugno. E adesso dieci giovani (tutti della provincia di Grosseto e Livorno, la maggior parte dei quali di età compresa tra 20 e 25 anni e senza esperienza occupazionale) hanno superato l’esame e acquisito una qualifica professionale in “Tecnico di disegno e progettazione di prodotti industriali”, con la prospettiva di un posto di lavoro nel Gruppo Crosa.

È il risultato del Progetto Super-Tec realizzato a Scarlino grazie a un finanziamento della Regione Toscana tramite il Fondo sociale europeo e GiovaniSì: hanno partecipato il capofila Logistic Training Academy e i partner Istituto Buontalenti Cappellini Orlando, il dipartimento di Ingegneria dell’energia, dei sistemi, del territorio e delle costruzioni dell’Università di Pisa, l’Ente pisano Scuola edile e il Gruppo Crosa Service, specializzato nella costruzione e nell’installazione di impianti industriali, con sede a Scarlino, 220 dipendenti e attività in varie realtà in tutta la Toscana e nel resto d’Italia. I dieci neo-tecnici sono diventati specializzati nella progettazione e realizzazione di prodotti nel settore degli impianti industriali e nella loro manutenzione.

«Uno degli obiettivi della nostra azienda – dice Ivano Avanzini, presidente e proprietario del Gruppo Crosa, insieme con l’amministratore delegato Maurizio Castellazzi – è quello di espanderci in Italia e anche all’estero, dunque in una logica di crescita è indispensabile rafforzare la struttura con nuova forza lavoro. E abbiamo scelto di puntare sui giovani. Purtroppo sul territorio le risorse occupazionali sono venute a mancare, quindi ben volentieri abbiamo partecipato a questo progetto: per Crosa è stata la prima volta, così come per l’intero settore in zona, e sicuramente ripeteremo l’esperienza perché i risultati sono stati ottimi. Non solo per le nozioni tecniche e professionali che i partecipanti hanno acquisito, ma anche perché hanno capito come ci si comporta nel mondo del lavoro, a partire dal profilo della sicurezza. Abbiamo trovato giovani capaci, concreti e convinti. Pensiamo di inserirli gradualmente in azienda. È la dimostrazione di come il comparto manifatturiero, con attività e sviluppo, possa favorire concretamente l’occupazione».

A seguire il progetto Super-Tec è stata in particolare Giulia Brunelli dell’area Ricerca e sviluppo di Lta-Logistic Training Academy. E l’attività di formazione ha coinvolto direttamente il Gruppo Crosa Service, che ha impiegato propri docenti in alcuni corsi: disegno tecnico, saldature, qualità, sicurezza, logistica e contabilità industriale. Il tutto tra aula ed esperienza sul campo, nei cantieri e in officina, nelle varie realtà operative di Crosa in Toscana.

«Investire sull’occupazione giovanile è sempre una strategia vincente – dice Giovanni Mascagni, responsabile della delegazione di Grosseto di Confindustria Toscana Sud – e la sosteniamo con grande convinzione. Questo progetto ha il merito di aver creato dieci nuove figure professionali qualificate e specializzate e dimostra la stretta correlazione che esiste tra la formazione e l’occupazione. In particolare nel settore manifatturiero, come in questo caso. Il progetto Super-Tec crea lavoro buono, che offre prospettive di continuità. E ci auguriamo che iniziative simili si ripetano con sempre maggiore frequenza».

Oggi, lunedì 1 luglio, al Cala Felice Beach Club di Scarlino si celebra la fine del corso con una giornata-convegno. Il programma prevede a partire dalle 10 il saluto del sindaco di Scarlino, Francesca Travison. Di seguito l’intervento di Maria Chiara Montomoli del settore Programmazione, formazione strategica e istruzione e formazione tecnica superiore della Regione Toscana. Interverrà poi Giulia Brunelli di Lta su “Il percorso formativo e i risultati ottenuti, tra innovazione e concretezza”. La parola passerà poi ai vertici del Gruppo Crosa, il presidente e proprietario Ivano Avanzini e l’amministratore delegato Maurizio Castellazzi, su “Il vissuto dell’impresa nel processo formativo”. Interverrà anche Giovanni Mascagni, responsabile della delegazione di Grosseto di Confindustria Toscana Sud. Infine, la testimonianza dei partecipanti al corso sul loro percorso di crescita personale e professionale.

Commenti