Quantcast

La Gea vuole la serie C: tutti al Palazzetto per la gran finale

Più informazioni su

GROSSETO – Per la Gea Basketball Grosseto è in arrivo la “partita senza un domani”, gara3 della finale per la promozione in serie C Silver contro la Lotar Campi Bisenzio, che va in scena domenica alle 18 al Palasport di via Austria. Le regine del girone A di serie D hanno sfruttato nei primi due incontri il fattore campo, al termine di 80′ equilibrati e carichi di pathos. I ragazzi di Pablo Crudeli, a 35 secondi dalla sirena di gara2 hanno avuto la palla in mano, avanti di un punto, per guadagnarsi la promozione in due match, ma non è il momento di piangere sul latte versato ma bisogna pensare alla “bella” che non dovrebbe discostarsi dalle prime sfide: le squadre si conoscono bene e hanno una caratteristica in comune, quella di riuscire a rialzare la testa di fronte ad ogni difficoltà. Campi ha messo paura a Santolamazza e compagni in gara1 dopo essere stato sotto di 14 punti (59-45); il Grosseto è tornato addirittura in vantaggio (74-75) dopo essere andato a -7 a 3’13” dalla fine dell’ultimo quarto in gara2.

«Bisogna ricaricare le energie – sottolinea il play Edoardo Furi, uno dei grandi protagonisti di questi playoff –. Ne serviranno tante negli ultimi quaranta minuti. Cosa dobbiamo fare per vincere? Abbassare i ritmi, tenerli sui 60-65 punti. Campi è una squadra tosta e noi non possiamo sfidarli punto a punto: non possiamo arrivare fino a 75 come abbiamo fatto giovedì. In gara3 dovremo cercare di fare in gara1: mettere insieme un buon parziali e difenderlo con una grande difesa».

«I primi due incontri – prosegue Furi – ci hanno detto che Campi è una squadra tosta, che, come noi, non si butta giù al primo errore, alla prima difficoltà. I pivot, come Corsi che tirano da tre (ha messo cinque bombe in due incontri) possono farci male. Ripeto, per avere maggiori possibilità di successo è tenerli a ritmo basso, facendo leva sulla difesa e con una maggiore rotazione, per avere in campo sempre un quintetto al top».

Nei primi due incontri la Gea è riuscita a prendere un minimo vantaggio sfruttando la fisicità di Roberti e Zambianchi, le penetrazioni di Perin, Furi e Morgia, ma dovrà cercare di limitare i tiri dalla lunga distanza di Campi (quindici in 80′), che hanno permesso alla squadra di Giulio Gambassi di rimettersi spesso in partita, dopo aver subito un break grossetano.

Dopo l’ultimo allenamento di venerdì sera, basato su tiro e allungamenti, Pablo Crudeli ha confermato in blocco la squadra scesa in campo a Campi, compreso l’under 18 Sesar Bocchi.

Le formazioni di gara3

GEA GROSSETO: Canuzzi, Zambianchi, Perin, Romboli, Morgia, Furi, Ricciarelli, Santolamazza, Roberti, Tattarini, Bocchi. All. Pablo Crudeli.

LOTAR CAMPI: Corsi, Municchi, Chiodo, Belardinelli, Elcunovich M., Petri, Corti, Scaletti, Vignozzi, Gallorini, Torres, Bacci. All. Giulio Gambassi.

ARBITRI: Samuele Pierallini di San Giovanni Valdarno e Alberto Volpi di Cecina.

SITUAZIONE: finale, Gea Grosseto-Campi Bisenzio 1-1 (65-62, 75-76); gara3 domenica ore 18 a Grosseto.

Più informazioni su

Commenti