Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cinelli: «Se a Biagioni dà noia la segnalazione sui social, la prossima volta la farò a presidente della provincia, prefetto e procura»

MAGLIANO IN TOSCANA – “Noto che il consigliere provinciale Marco Biagioni si sente punto nel vivo dalla mia critica sui social relativa alla sfalcio dell’erba lungo la Sp 94”. Inizia così la replica del sindaco di Magliano Diego Cinelli che sui social aveva denunciato la situazione in cui si trovavano le banchine della strada provinciale.

“Vorrei ricordare a tutti – afferma Cinelli- che da sindaco non guardo al colore politico degli enti, ma tutelo gli interessi dei cittadini di Magliano. Nelle parole di Biagioni leggo molte incongruenze. La prima è il fatto che parli di un cronoprogramma dello sfalcio. Sarà una casualità, ma il giorno successivo al mio appello-sfogo sui social i mezzi della provincia sono intervenuti. Inoltre se esiste un cronoprogramma dei lavori mi viene da pensare che tutti gli anni il comune di Magliano venga messo in fondo e questo non va bene, così come la mia non è una battuta, ma un fatto reale, cioè che sulle strade da cui è passato il Giro d’Italia i mezzi sono intervenuti da tempo, mentre sulle altre no”.

Cinelli a questo punto coglie la replica di Biagioni per spiegare come lui intenda muoversi nel futuro. “Se a Biagioni dà fastidio che utilizzi i social per segnalare un disagio – afferma il primo cittadino- vorrà dire che la prossima volta, di fronte all’erba alta, alle radici sporgenti, allo stato in cui versano le strade provinciali nel mio comune, mettendo a repentaglio la sicurezza di chi le frequenta, non mi sfogherò e basta, ma scriverò direttamente al Presidente della Provincia, al Prefetto ed alla Procura della Repubblica”.

Cinelli conclude poi con una precisazione. “Biagioni – conclude il Sindaco di Magliano- probabilmente non ricorda bene. Io mi candidai alla Provincia nella tornata precedente, in questa occasione non l’ho fatto, anche perché evidentemente chi già ricopriva certi incarichi non era così convinto di lasciarli ad altri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.