Rivoluzione green beach: ecco come cambia il turismo a Castiglione della Pescaia

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – Alla Casa rossa Ximenes, all’interno della Riserva naturale della Diaccia Botrona, martedì 11 giugno si terrà il workshop “Mitomed+”, una giornata di studio che vedrà coinvolte 15 destinazioni territoriali di 5 diverse regioni mediterranee: Andalusia, Catalogna, Cipro, Istria e Toscana. Si analizzerà, in particolare, come sia cambiata l’accessibilità del turismo a Castiglione della Pescaia grazie alla creazione della green beach “spiaggia verde”, sorta sull’arenile di levante, all’ingresso di Castiglione della Pescaia.

Questa spiaggia attrezzata, progettata secondo i criteri di sostenibilità e accessibilità, nel 2018 è stata fatta conoscere nei più importanti circuiti promozionali del turismo, riscuotendo molti apprezzamenti dagli addetti ai lavori.

«Per il nostro paese – sostiene la vicesindaca con delega alle politiche ambientali Elena Nappi – sarà un’occasione importante di confronto con gli amministratori di cittadine come la nostra che si affacciano sul Mediterraneo, che lavorano assieme per migliorare lo sviluppo turistico sostenibile. La finalità del seminario è di condividere le esperienze tra le destinazioni pilota del progetto Mitomed+, nonché identificare le nuove sfide e i miglioramenti da attuare all’interno dal progetto. Sarà una giornata densa di riunioni e gruppi di lavoro».

Avviato nel 2017, il modello integrato di turismo nel Mediterraneo si inserisce nell’ambito del programma di cooperazione transnazionale, un progetto della durata di tre anni con uno stanziamento complessivo di 2,6 milioni di euro. Il partenariato del progetto comprende 5 regioni del Mediterraneo che sono state scelte per i test e negli scambi di esperienze (Toscana, Catalogna, Croazia, Cipro e Andalusia), due istituti di ricerca a copertura degli aspetti inerenti la conoscenza (l’Università di Girona in Spagna ed il Cnr in Italia) e due reti europee (Necstout e Crpm) che garantiranno il dialogo e la diffusione dei risultati al livello internazionale.

«La politica ambientale di questa amministrazione – ricorda Nappi – ha tra le sue priorità la sostenibilità, in questo specifico settore stiamo conseguendo importanti successi, l’ultimo in ordine di tempo, essere dal primo di gennaio di quest’anno un Comune plastic-free. Mi piace sottolineare che Castiglione della Pescaia, Comune costiero che si affaccia sul Mediterraneo – conclude la vicesindaca – in questi ultimi anni, grazie alle attenzioni date alla mobilità sostenibile e all’accessibilità è entrato a far parte di quelle destinazioni turistiche, fra le più importanti al mondo, con tutti i benefici che ne può trarre il mondo del lavoro, soprattutto i giovani e le attività del territorio».

Commenti