Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’arte pubblica per rigenerare il centro storico: i progetti delle associazioni grossetane

GROSSETO – “Rigenerare una città è un’esperienza di ridefinizione di ambienti urbani, di qualità della vita, di partecipazione, innovazione e integrazione. L’arte pubblica, lontana dalle gallerie e diffusa nelle piazze e nelle strade, può diventare generatore di cambiamento e strumento capace di promuovere impatti positivi sui luoghi e sulle comunità”. Per questo motivo il Comune di Grosseto e Clarisse Arte di Fondazione Grosseto Cultura, da dieci anni, investono sul progetto culturale di animazione urbana “Città visibile”.

Per lo stesso motivo queste due istituzioni, con il supporto della Regione Toscana e insieme a SocioLab, all’associazione culturale Clan e alla galleria City Lab, hanno deciso di integrare il progetto Pop Up con l’esperienza artistica “Fuori!” dedicata ai giovani creativi under 35: la open call nazionale del progetto “Fuori!” ha selezionato cinque artisti emergenti – Alessandra Cecchini, Giulia Dari, Livio Ninni, Silvia Pujia e Maria Teresa Zingarello – e li ha fatti partecipare, nel marzo del 2019, a una “residenza d’artista” a Grosseto. L’obiettivo era quello di attivare, coinvolgendo i grossetani, un processo innovativo di riflessione sui modi di abitare e di animare il centro storico della città che oggi, proprio come i centri storici di molte altre città italiane di medie dimensioni, vive un periodo di crisi e svuotamento.

I risultati estetici e relazionali di questa residenza, molto efficaci ed emozionanti, sono stati visibili per alcuni giorni alla fine di marzo e oggi, per sottoporsi a una verifica più puntuale e distaccata, sono documentati in un catalogo presentato alla città con una mostra curata dall’associazione Clan: il catalogo verrà messo a disposizione dei cittadini nella galleria City Lab di Chiasso delle Monache e alcune opere prodotte nella residenza d’arte saranno nuovamente allestite nella stessa galleria e nelle strade e nella piazza limitrofe.

«Ogni iniziativa messa in campo per rigenerare e rivitalizzare il centro storico cittadino è meritevole – dice l’assessore alle Attività produttive del Comune di Grosseto, Riccardo Ginanneschi – e in particolare quei progetti, come in questo caso, che vedono la proficua collaborazione di una serie di soggetti. I grandi risultati ottenuti dal progetto Pop up sono sotto gli occhi di tutti, con le tante nuove attività commerciali rimaste aperte anche dopo la conclusione dell’iniziativa. E adesso i buoni frutti di Pop up continuano. L’obiettivo è arrivare alla Notte visibile della cultura con una città ancora più viva e vitale, a vantaggio di tutti».

Nell’occasione della presentazione del catalogo, per evidenziare la necessità di ricorrere ai processi partecipativi nell’organizzazione di eventi culturali che si pongano come obiettivo la riqualificazione degli ambienti urbani e la coesione sociale delle comunità che li abitano, il Comune di Grosseto e Clarisse Arte di Fondazione Grosseto Cultura ricordano ai cittadini che è aperto fino al 28 giugno il bando per partecipare attivamente alla Notte visibile della cultura prevista per sabato 21 settembre.

«Dedicata all’apertura del museo Luzzetti – ricordano Giovanni Tombari e Mauro Papa, presidente di Fondazione Grosseto Cultura e direttore di Clarisse Arte –, la Notte della cultura sarà una festa della città e, come tradizione, chiederà la collaborazione di tutti: da un lato il bando si rivolge a chi vuole proporre una mostra, una visita guidata, una conferenza o una performance artistica; dall’altro a chi vuole mettere a disposizione il proprio spazio per una delle iniziative culturali che animerà il centro storico di Grosseto».

L’adesione al bando è completamente gratuita e, a parte una specifica sezione legata a rimborsi spesa, non sono previsti compensi per le altre proposte di performance artistiche che verranno tutte accolte. Per scaricare il bando, è necessario consultare i siti web www.fondazionegrossetocultura.it e www.clarissearte.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.