Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rilancio Maremma: in consiglio la piattaforma voluta da imprenditori e sindacati: «Non possiamo stare fermi» fotogallery

GAVORRANO – Il Comune di Gavorrano ha aderito alla piattaforma programmatica ‘Si! Grosseto va avanti’, il tavolo di lavoro per lo sviluppo del territorio della provincia, elaborato e promosso dalla Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno in collaborazione con undici associazioni di categoria e quattro sigle sindacali del mondo del lavoro.

Il progetto, il cui scopo è l’attuazione di una serie di progetti finalizzati al rilancio della competitività economico-produttiva della provincia di Grosseto, è stato presentato ieri pomeriggio nella sala congressi agli ex-Bagnetti durante il consiglio comunale aperto, convocato dal sindaco Andrea Biondi.
Il primo cittadino di Gavorrano, insieme a Riccardo Breda, presidente della camera di commercio della Maremma e del Tirreno; Antonfrancesco Vivarelli Colonna, presidente della Provincia e Leonardo Marras, capogruppo regionale Pd, ha aperto la seduta spiegando le motivazioni della sua scelta di un consiglio comunale aperto per aderire al progetto coordinato dalla Camera di Commercio.

«Ho voluto – ha detto Biondi – condividere questo momento con la comunità perché, quando si discute di sviluppo, ognuno ha le sue ricette ma che spesso sviano dal principale problema di questo territorio. Non possiamo più permetterci di stare fermi, non solo è fondamentale lo sviluppo ma dobbiamo attivare anche azioni efficaci che fermino il declino del nostro territorio».

La parola chiave per Biondi è “infrastrutture”, su cui andrebbero focalizzate tutte le energie del tavolo ma anche dare una visione unificata del territorio. Un punto fermo anche per Riccardo Breda, presidente della camera di commercio Maremma Tirreno e capo coordinatore della piattaforma.

«Nel documento che abbiamo stilato – ha spiegato – abbiamo fatto una sintesi e cercato di evidenziare quali sono le problematicità e le urgenze legate al nostro territorio. Le priorità individuate sono due; le infrastrutture e l’attrazione di investimenti. Sicuramente passano troppi anni prima della realizzazione di nuove infrastrutture e in attesa di questi bisogna cercare di realizzare un progetto per fare sì che le imprese possano investire sul nostro territorio, questo vale sia per le imprese esistenti sia per attirare nuove attività imprenditoriali. E’ quindi necessario cercare di unificare il più possibile anche le scelte dei singoli comuni».

La parte tecnica del tavolo è già al lavoro per attivare tutte le strategie possibili. La cabina di regia è formata dalla Camera di Commercio in collaborazione con la Regione Toscana e la Provincia. Il primo incontro tra le parti si è svolto venerdì scorso con la Regione Toscana, in cui sono state condivise le prime linee di lavoro da portare avanti con l’intento di portare investimenti sul territorio. E’ già in programma anche un incontro politico con il presidente della Toscana Enrico Rossi e il capogruppo Pd Leonardo Marras rispetto alla Regione e con Antonfrancesco Vivarelli Colonna rispetto alla Provincia.

Intanto il documento è stato inviato a tutti comuni della provincia di Grosseto chiedendo l’approvazione dei vari consigli comunali. Ad oggi hanno aderito al progetto i comuni di Castiglione della Pescaia e Grosseto, Manciano e Gavorrano nella giornata di ieri. Nei prossimi giorni la camera di commercio incontrerà anche i rappresentanti degli altri comuni, già oggi in programma al Comune di Campagnatico.

«Ci fa piacere – ha sottolineato Riccardo Breda – che la risposta dei sindaci per ora è positiva. Dalla parte nostra siamo uniti intorno a questo progetto e spero che riusciamo a collaborare tutti insieme per questo territorio che negli ultimi dieci anni ha perso 10mila posti di lavoro».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.