Invasione di tronchi sulla spiaggia: è emergenza. Parte la pulizia fotogallery

In azione i tecnici e gli operai del Comune e Sei Toscana

Più informazioni su

MARINA DI GROSSETO – Sono in corso le operazioni per ripulire il litorale grossetano dalla presenza di detriti, principalmente tronchi, portati dalle maree dovute al maltempo delle ultime settimane: materiale che si è accumulato sulle spiagge a ridosso dell’inizio della stagione estiva. L’Amministrazione comunale, ascoltando le richieste degli operatori del settore balneare e più in generale dei residenti, ha prontamente dato risposta attraverso un sopralluogo sulla costa – avvenuto ieri (28 maggio 2019) – e una serie di azioni messe in campo proprio in queste ore per risolvere il problema, anche e soprattutto in vista delle prime giornate di sole.

“Il problema è stato affrontato immediatamente – spiega il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna -: dopo il sopralluogo siamo intervenuti coordinando l’azione del Servizio demanio marittimo e di Sei Toscana. Non solo: abbiamo anche segnalato una serie di interventi di competenza del Consorzio di Bonifica, chiedendo di metterli in pratica il prima possibile”. Il tratto interessato oggi (29 maggio) da queste azioni è quello compreso tra il Moreno Beach e il porto di Marina di Grosseto, andando a coprire poi il resto della costa, anche fino al confine con Castiglione della Pescaia.

“Come Protezione civile – dice l’assessore al Demanio Riccardo Megale – abbiamo inviato un report alla Regione Toscana per segnalare l’evento naturale al fine del riconoscimento dello Stato di calamità. Negli ultimi anni infatti i comuni come il nostro si trovano a fare i conti con questo tipo di problema – nel 2019 ancora più intenso – che a nostro parere necessità di un interessamento concreto – perché no, anche programmato così da garantire prevenzione – da parte dell’Ente regionale”.

Il settore Ambiente, coordinando l’attività con Sei Toscana, si occuperà poi di procedere allo smaltimento del materiale rimosso. Ancora da determinare il costo dell’operazione, proprio perché si tratta di un intervento straordinario.

Più informazioni su

Commenti