Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Corridoio tirrenico, Breda incontra Toninelli. Il ministro «Priorità. Apriamo un tavolo»

LIVORNO – Il presidente della Camera di commercio Riccardo Breda, accompagnato dal vicepresidente Alberto Ricci, ha incontrato il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli a Livorno, per un colloquio privato in margine al congresso europeo sui porti. Due i temi affrontati, entrambi riguardanti nodi infrastrutturali: il Corridoio tirrenico e la Darsena Europa.

Breda ha consegnato a Toninelli la lettera – già inviata al Ministero nei giorni scorsi – con cui la Camera di commercio insieme a tutte le organizzazioni di categoria ed ai sindacati chiede con forza la realizzazione del Corridoio tirrenico, la cui mancanza «isola il territorio condannandolo ad una arretratezza infrastrutturale che ad oggi rappresenta una delle cause principali del mancato sviluppo economico locale. Siamo pronti a scendere in piazza – ha detto Breda – ma vorremmo instaurare un dialogo».

Dal ministro è giunta una risposta positiva: «Non è accettabile questa situazione – ha detto – la Tirrenica è una priorità e siamo in forte ritardo; bisogna ripartire al più presto». Toninelli ha assicurato che il suo capo dipartimento contatterà direttamente Riccardo Breda per convocare un incontro a Roma, un Tavolo allargato alle categorie economiche in cui affrontare concretamente il problema.

Al centro del colloquio anche i ritardi nella realizzazione della Darsena Europa, infrastruttura determinante per lo sviluppo della città di Livorno, che vede nel suo porto il principale motore di sviluppo. Anche in questo caso Toninelli ha condiviso le considerazioni di Breda e di Ricci, promettendo il suo impegno a riunire le forze economiche e la Regione che già è fortemente impegnata sul campo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.