Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Azzi: «Il salasso Tari ha deluso i cittadini. Il sindaco li incolpa per non aver voluto l’inceneritore»

FOLLONICA – “L’aumento della Tari da parte dell’amministrazione Benini per oltre 500.000 euro ha provocato non poca delusione nei cittadini di Follonica” a dirlo il referente della Lega di Follonica, Roberto Azzi, in una nota.

“Come non condividere questa delusione? – scrive Azzi- i servizi non efficienti, la mancanza di parcheggi e di sicurezza, il degrado, le promesse elettorali non mantenute in questi cinque anni e poi la “beffa” finale, l’aumento delle tasse per necessità di bilancio. Oltre a questa diffusa delusione, che condividiamo, da parte nostra c’è anche grande stupore per un caso che, a Follonica, è di enorme importanza economica e sociale”. “Nel mese di Ottobre 2018 – afferma l’esponente del Carroccio- l’amministrazione Benini ha dato mandato ad un avvocato di gestire il contenzioso tributario, per gli anni 2014 e 2015, con la Cooperativa che gestisce la Rta ‘Il Veliero’. Il contenzioso nasce, secondo la cooperativa, per un errato calcolo da parte dell’amministrazione della tassa: il Comune la calcola sull’intera superficie della struttura mentre la cooperativa chiede il calcolo sulle presenze o sulla superficie realmente dedita all’attività turistico alberghiera”.

Da qui il primo quesito di Roberto Azzi a Benini. “La nostra domanda sulla questione è semplice – chiarisce Azzi- vi era necessità di arrivare ad un contenzioso tributario? Non si potevano adottare strumenti diversi per “evitare” una causa con questa struttura? La cosa che sembrerebbe certa è che nulla ad oggi sia entrato nelle casse comunali, neanche per la parte che la stessa cooperativa ‘ammette’ di dover pagare. L’altra cosa che più ci stupisce è che, nei bilanci della cooperativa stessa, risulterebbe il non pagamento della Tari anche per gli anni 2016, 2017 e 2018 per un totale complessivo di circa 530mila euro. Se questo fosse vero sarebbe gravissimo e ci fa riflettere su molte cose e porre delle domande al Sindaco Benini”.

Azzi dunque pone i suoi interrogativi. “Sindaco Benini è vera questa situazione? – chiede l’esponente leghista- E se vera quante strutture oltre il Veliero sono interessate? Se fosse vero come è possibile che la sua amministrazione si sia dimenticata di attivarsi per le tasse non pagate nel 2016, 2017 e 2018? In un articolo del 2017 – prosegue Azzi- il presidente della cooperativa dichiarava il rapporto collaborativo per sport ed eventi con la sua amministrazione. Se fosse ancora vero, perché non si è tentato, in maniera bonaria, di trovare una soluzione a questo problema visti i positivi rapporti, quantomeno per recuperare la parte di tassazione che la stessa cooperativa ammette di dover elargire?”

“In attesa della risposta da parte del sindaco Benini – spiega Azzi- se confermata la notizia, una cosa sarebbe chiara: il Comune aumenta le tasse ai cittadini perché incapace di amministrare bene la città nel rispetto di tutti i suoi residenti e non può scaricare la colpa sugli stessi perché, come afferma in un video, non si è voluto l’inceneritore. Per le amministrazioni Pd – conclude l’esponente della Lega- la cosa, peraltro, non sarebbe nuova. Basta ricordarsi del Governo Renzi che salvava le banche amiche indebitando e impoverendo gli italiani. Che Benini e l’amministrazione Pd ne abbiano preso il “cattivo” esempio?”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.