Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bonifazi: «Travison vuole accantonare il piano operativo, così si blocca l’attività di edificazione»

SCARLINO – «Rispetto alla posizione dichiarata da Francesca Travison sul destino del Piano operativo, gli operatori turistici e gl’imprenditori scarlinesi hanno di che preoccuparsi seriamente» afferma il candidato sindaco Emilio Bonifazi. «La candidata del centrodestra, infatti, ha letteralmente scritto che la sua volontà “è quella di accantonare questo atto e fare un nuovo Piano operativo”. Cosa che se avvenisse davvero farebbe scattare le norme di salvaguardia, bloccando l’attività edificatoria e ogni nuova previsione per anni. In attesa del nuovo strumento urbanistico, che comporterebbe il riavvio ex della procedura amministrativa».

«La stessa Travison che oggi sale sulle barricate improvvisandosi urbanista, è la stessa consigliera comunale che per cinque anni non è stata in grado di esprimere una visione del futuro per Scarlino. Fino al punto di essersi astenuta nella votazione sul piano operativo perché per sua stesa ammissione non era stata in grado di approfondirlo».

«Poiché per redigere, approvare e adottare un Piano operativo ci vogliono anni e una forte concertazione con diversi Enti tra cui la Regione, la nostra proposta è di migliorarlo presentando delle osservazioni allo strumento approvato dal Consiglio comunale lo scorso febbraio – prosegue -. Rispetto al quale il prossimo 4 giugno scadranno i termini per presentare le osservazioni. Noi, da parte nostra, ne presenteremo anche una che definisca meglio la previsione generica di un Piano di utilizzo degli arenili. E che preveda la realizzazione di strutture fisse, ma a basso impatto, a servizio della balneazione lungo la costa. In modo da qualificare l’offerta turistica nella zona del Puntone».

«In definitiva, quindi, vorremmo fosse chiaro che la boutade di Travison dell’abrogazione del Piano operativo è quanto di più improvvisato e per questo dannoso per tutti gli operatori economici. E che la via maestra per superare le lacune del Piano operativo sono le osservazioni. Noi abbiamo l’esperienza amministrativa e il buonsenso per gestire uno strumento delicato come il Piano operativo, che è determinante per garantire in futuro lo sviluppo di Scarlino».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.