Disagi per la Due Mari, Bragaglia assicura: «Mi impegnerò con Anas per risolvere il problema»

CIVITELLA –  Una giornata sul territorio per studiare le soluzioni ai problemi che vengono sentiti maggiormente. Il candidato sindaco della lista “Per Civitella Paganico” Alessandro Bragaglia prosegue nella campagna di ascolto e proposta in vista delle elezioni del prossimo 26 maggio.

La giornata è iniziata da Pari. “Qui la popolazione ci ha segnalato il disagio che nasce sulla Due Mari – spiega l’aspirante primo cittadino – con la necessità di una nuova segnaletica e di un’aiuola spartitraffico. Da sindaco non potrò promettere di realizzare tutto questo, perché non di mia competenza, ma sicuramente potrò farmi promotore con Anas e con il Governo, attraverso i nostri rappresentanti locali, per trovare una soluzione adeguata che non danneggi il paese”.

Bragaglia si è poi trasferito nella zona di Aratrice dove ha preso atto della situazione del guado sul Gretano. “Sono sei legislature che qui si attende una soluzione – spiega Bragaglia- dopo ogni pioggia il guado viene chiuso ed il problema deve essere risolto. Conto che con la settima legislatura riusciremo, quanto meno, a trovare una via per individuare i finanziamenti per la realizzazione di un ponte”.

Il tour di Alessandro Bragaglia è proseguito alla Distilleria Nannoni. “Un’eccellenza di livello mondiale – ha spiegato il medico candidato- Si tratta di un valore aggiunto per il territorio che deve diventarne un biglietto da visita. Il turismo enogastronomico si sta ritagliando uno spazio importante. Una distilleria come quella Nannoni deve essere portante all’interno dei nostri circuiti, anche come valore aggiunto per l’esperienza che ha maturato grazie a visitatori che arrivano da tutto il mondo”.

La giornata si è chiusa a Paganico con l’incontro su caccia e predazione insieme al consigliere regionale della Lega Roberto Salvini ed alla presidente del Comitato Pastori d’Italia Mirella Pastorelli. “Sono temi molto sentiti – spiega Bragaglia- su cui dobbiamo dare risposte. Anche in questo caso un comune presente in Regione e con il Governo può aiutare a trovare quelle soluzioni auspicate dai tanti appassionati cacciatori ed agli allevamenti che, troppo spesso, vengono decimati dai predatori. Una partecipazione che è stata numerosa e interessata”.

 

 

Commenti