Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Giovani, alcol e stili di vita”, il Coeso premia gli studenti: quest’anno protagonista l’anoressia

GROSSETO – «“Giovani, alcol e stili di vita”: premiati gli studenti del Rosmini per il concorso di idee. Primo posto alla classe 3L che ha raccontato la storia vera di una ragazza alle prese con il problema dell’anoressia» a farlo sapere una nota del Coeso, società della salute in una nota.

«Gli studenti dell’istituto Rosmini di Grosseto – prosegue la nota- sono stati premiati aver reso tramite video ed elaborati il concetto di quali siano le ripercussioni sulla salute fisica e psichica dovute ad un non corretto stile di vita. L’iniziativa, che ormai dal 2015 Coeso Società della salute e Comune di Grosseto propongono agli istituti superiori cittadini, ha l’obiettivo di far riflettere gli studenti e sviluppare idee creative che possano poi incidere sui comportamenti quotidiani».

A vincere questa edizione del concorso, che aveva come tema l’alimentazione, è stata la classe 3L con un video sulla storia vera di una giovane alle prese con il problema dell’anoressia. La classe, che ha partecipato al concorso anche con un modellino chiamato “La piramide della salute”, ha vinto una gita di istruzione a Fico Eataly World Bologna. Al secondo posto, a pari merito, si sono classificate le classi 2L, 3A, 2A. A giudicare il lavoro degli studenti è stata una giuria composta da un esperto di comunicazione, due studenti del Rosmini, un esperto d’arte, un rappresentante del mondo della scuola, l’assessore Mirella Milli, un responsabile del progetto e un referente della Società della salute Coeso.

Presenti alla premiazione, oltre all’assessore alle politiche sociali del Comune di Grosseto, Mirella Milli e Massimiliano Marcucci responsabile del servizio socio educativo del Coeso, anche i rappresentanti di Simurg Ricerche, che hanno curato le attività nelle scuole: «Il concorso, infatti – chiarisce la nota – è frutto di un percorso formativo che attraverso la metodologia della ricerca sociale e la somministrazione del questionario Edit, elaborato dall’Agenzia regionale di sanità della Toscana, vuole rendere i giovani più consapevoli e informati, proprio nell’ottica di sensibilizzarli e educarli a stili di vita più corretti. Ogni anno, inoltre, l’attività si concentra su un tema che viene approfondito più di altri e quest’anno è stata scelta l’alimentazione».

«Le opere presentate dai ragazzi, frutto di un percorso formativo portato avanti con l’aiuto dei professori e durato tutto l’inverno – conclude il Coeso – dimostrano una grandissima sensibilità riguardo al problema dell’alimentazione e un forte desiderio di lottare contro stili di vita scorretti. Ogni studente ha ricevuto, per aver partecipato, due biglietti per il cinema Aurelia Antica multisala».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.