Scavi alla Rocca, l’annuncio: «35mila euro d’investimento per ripartire, c’è l’accordo con l’università»

CASTELL’AZZARA – E’ Stata stipulata una Convenzione tra il Comune di Castell’Azzara e l’Università degli Studi di Siena per il triennio 2019/2021, per iniziare nuovamente le campagne di scavo nel sito archeologico di Rocca Silvana di Selvena» a dare l’annuncio il sindaco Fosco Fortunati.

«Sono soddisfatto – dice il sindaco – di aver finalmente, dopo anni di oblio, riacceso l’interesse sul Castello di Rocca Silvana, attraverso un importante impegno economico, circa 35mila euro per tre anni, che ha per la comunità di Selvena e di Castell’Azzara un’importanza strategica enorme e che può permettere la valorizzazione di tutto il territorio».

«Rocca Silvana – aggiunge il sindaco – che dal 2018 è stata resa visitabile con un intervento dell’amministrazione comunale, rappresenta per il mondo accademico un enigma al quale dare risposta attraverso le nuove campagne di scavo, perchè come afferma il responsabile dello scavo, il dottor Citter “i dati in nostro possesso consentono di vedere bene le fasi di costruzione del castello signorile fra il tardo XI e gli inizi del XIV, oltre alle fasi successive di abbandono degli spazi signorili e costruzione della fortezza di età moderna. Manca però ad oggi qualsiasi informazione sui due ampi recinti posti a valle della rocca signorile. La chiesa si pone quasi a cerniera fra le tre parti del sito e presenta un interesse specifico per capire la lunga durata della frequentazione e possibili preesistenze di cui al momento abbiamo solo pochi indizi. Un altro tema aperto che intendiamo indagare con la ripresa dei lavori è la natura dei due recinti, che solo in parte sembrano stati adibiti ad abitato, mentre potrebbero aver assolto altre funzioni come ricovero per animali e attività produttive”».

«Le ricerche – conclude Fortunati – riprendono nell’ambito, dentro il quale si collocano le convenzioni stipulate, di un accordo quadro fra il Comune di Castell’Azzara, il Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali dell’Università di Siena e l’Amministrazione Separata dei Beni di Uso Civico di Selvena».

Foto Wikimedia

Commenti