Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imbrattata la lapide di Agresti, l’Anpi ai vandali: «Grazie al sacrificio dei partigiani, voi avete già perso»

SCARLINO –  «La Presidenza del circolo Anpi Gavorrano Scarlino deplora e condanna il gesto vile compiuto la mattina del 25 aprile in dispregio della memoria del partigiano scarlinese Flavio Agresti» a dirlo una nota dell’associazione dei partigiani.

«Non è la prima volta – prosegue l’Anpi – che in quell’atrio si consuma un’offesa infame ai monumenti e ai protagonisti della Resistenza. Nella ricorrenza del 50° della liberazione del paese di Scarlino (22 giugno 1944) fu collocata una lapide marmorea su sostegno ligneo che ricordava quell’evento; eravamo nel 1994, alcuni mesi dopo quella lapide fu frantumata da un colpo di martello».

«Nel 2010 – racconta ancora l’associazione – fu apposta alla parete di sinistra un’altra lapide di travertino che ricordava il sacrificio di Flavio Agresti, partigiano scarlinese, ucciso l’11 giugno 1944 dai nazisti; qualche giorno dopo la lapide fu trovata spezzata da un forte pugno. La lapide fu restaurata e risistemata al suo posto. La mattina di questo 25 aprile è stata trovata deturpata da un simbolo fallico tracciato con pennarello indelebile alla destra del nome. Probabilmente è la solita persona che, avendo agio di entrare e uscire, compie tali gesti. Vorremmo far presente a questo tizio, con indignazione e fermezza, che si metta l’animo in pace: quella lapide, come le precedenti che lui ha insultato, sono degne di rispetto e di gratitudine.

«E lo vorremmo dire non solo a lui, ma anche a tutti gli altri pusillanimi che si comportano come lui – conclude l’Anpi, rivolgendosi direttamente a chi vandalizza i simboli della resistenza – ormai siete condannati definitivamente, grazie al sacrificio di uomini come Flavio Agresti, a vivere in un mondo dove il rispetto del proprio simile e della sua dignità sono valori inalienabili, dei quali possono godere ampiamente anche i vili ed i vigliacchi come voi»

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.