Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Di Giacinto e Travison: «Benini rinunci all’appoggio del Pd: ha autorizzato l’inceneritore»

SCARLINO – «Inceneritore, il Pd confonde le acque ma non smentisce. Oltre alle opinioni, contano i fatti. E il Partito Democratico è il primo responsabile» così Massimo Di Giacinto e Francesca Travison, candidati sindaci del centrodestra rispettivamente a Follonica e Scarlino, rispondono al Partito Democratico.

«Il Partito Democratico di Follonica – dice Di Giacinto  – insiste con la consueta strategia del “confondere le acque” sull’inceneritore di Scarlino, con il chiaro obiettivo di mascherare le proprie evidenti responsabilità in materia. E lo fa addirittura tirando in ballo le opinioni del compianto Altero Matteoli, favorevole all’impianto, con notevole mancanza di sensibilità. Premessa personale: nel 2009, periodo cui si riferiscono gli eventi rammentati dal Pd, non ero in Consiglio comunale a Follonica e non facevo parte di alcuna forza politica, neppure, evidentemente, dell’allora Pdl».

«Opinioni a parte – continuano i due candidati – i fatti concreti sono altri: nel centrodestra, a livello locale e nazionale, nessuno può essere indicato come responsabile di un singolo atto che possa aver contribuito a far funzionare quell’inceneritore. Altrettanto non si può dire del Pd, soprattutto (in questo caso) a livello locale. Vogliamo ricordare le giunte provinciali Scheggi e Marras, tutte a guida Ds-Pd, che hanno concesso le autorizzazioni? Restando a Follonica, sarebbe poi ingeneroso non attribuire gran parte del merito dei successi, soprattutto negli anni passati, all’attività del Comitato per il No all’inceneritore, da sempre bipartisan, grazie al lavoro dell’avvocato Franco Zuccaro».

«Il Pd ora non può nascondersi dietro la foglia di fico dell’impegno dei sindaci – concludono Di Giacinto e Travison – perché le responsabilità morali e concrete del Partito Democratico esistono e sono enormi. E il sindaco uscente Andrea Benini, se fosse coerente con il proprio impegno anti-inceneritorista, dovrebbe rinunciare all’appoggio di quella lista alle prossime elezioni amministrative. Un’ultima cosa: nelle parole degli esponenti Pd non ritroviamo alcuna smentita a proposito del fatto che al Casone potrebbe sorgere un nuovo impianto di stoccaggio rifiuti. C’è il solito scaricabarile rivolto al Comune di Scarlino. Ancora una volta, non basta. E i cittadini lo sanno».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.