Con il Parco delle Colline Metallifere la Maremma è protagonista a TourismA

Oggi (venerdì 22 febbraio) a Firenze il Parco partecipa al salone dell'archeologia e del turismo culturale

GAVORRANO – Il Parco delle Colline Metallifere partecipa da protagonista alla tre giorni di TourismA, il salone dell’archeologia e del turismo culturale, che si è aperto oggi a Firenze. Si tratta di un appuntamento importante perché nell’ambito del salone che ospita le migliori esperienze del turismo di settore in Italia, il Parco mette in vetrina le possibilità di accoglienza e visita del suo territorio.

«TourismA è un’ottima occasione per testare i laboratori – spiega il direttore del Parco Alessandra Casini – e per saggiare l’interesse delle scuole e le nostre attività didattiche. Ma è importante perché è anche un momento di confronto con tante altre realtà italiane che possono rappresentare fonte di ispirazione per attività future. Molto importante è l’appuntamento di oggi (venerdì 22 febbraio) quando al workshop di turismo culturale “Buy Cultural Tourism”, riservato agli operatori, il parco tramite il tour operator con cui ha collaborato al progetto Destimed, Travel Today, presenterà i primi pacchetti con le offerte turistiche del territorio dell’ambito Maremma Toscana area nord».

E proprio la collaborazione con il nuovo ambito turistico rende la presenza fiorentina del Parco un’opportunità per gettare le basi di future sinergie. «Con l’esperienza di TourismA si sta sperimentando una bella collaborazione tra il Parco e l’ambito turistico Maremma Toscana – area nord (tra i primi che si è costituito in Toscana) – spiega la presidente del Parco delle Colline Metallifere Lidia Bai – . Una realtà che sta funzionando e che tiene conto di tutti i soggetti e gli attori del territorio, tra cui anche il Parco. Questo di TourismA è soltanto un esempio di come si possa lavorare insieme e anche in futuro il Parco sarà a disposizione dell’ambito sopratutto per azioni di promozione e valorizzazione del territorio».

Info: www.parcocollinemetallifere.it

Commenti