Grosseto

Mani cantanti: i bambini cantano l’Inno d’Italia nella lingua dei segni fotogallery video

GROSSETO – Un libro, e un progetto di studio e apprendimento: Mani cantanti è tutto questo e anche molto altro. Il progetto nasce per volontà di un’insegnate elementare, Anna Del Vacchio, che ha sperimentato la lingua italiana dei segni in classi di bambini normodotati, scoprendo che questo linguaggio aiuta nell’apprendimento dell’italiano, specie i bambini stranieri.

I bambini delle terze della scuola elementare Enrico Toti hanno cantato l’Inno d’Italia, mentre i compagni più grandi si sono esibiti in una serie di canzoni, anche di musica leggera, tutte tradotte nella lingua dei segni. L’evento è stato ospitato in uno degli hangar del 4° Stormo all’interno dell’aeroporto militare Baccarini (nella foto i bambini con il comandante del 4° stormo Urbano Floreani).

.

.

leggi anche
linguaggio segni sordi non udenti mani
Non udenti
Agfa critica “Mani Cantanti”: «I nostri bambini parlano e cantano, a chi serve l’iniziativa?»
Progetto Mani Cantanti Anna del Vacchio
Polemica
L’insegnate risponde ad Agfa: «Mani cantanti serve per imparare l’italiano e per i disturbi dell’apprendimento»
Progetto Mani Cantanti
Ens
Progetto “Mani Cantanti”, Ente sordi: «I sordi devono essere liberi di usare il linguaggio dei segni»
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI