Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scarlino Energia: «Rispettiamo la sentenza, ma non è detta ancora l’ultima parola»

Più informazioni su

SCARLINO – Riunione del Cda questo pomeriggio per la società Scarlino Energia. All’ordine del giorno l’esito della sentenza del Consiglio di Stato che ha di fatto bocciato su tutta la linea l’autorizzazione concessa all’impianto.

«La sentenza del Consiglio di Stato – si legge nella nota ufficiale della società -, pubblicata lunedì scorso nel merito dei ricorsi presentati dai comuni di Follonica e Scarlino, lascia l’amaro in bocca alla società che gestisce l’impianto di termovalorizzazione e di trattamento rifiuti liquidi del Casone. Il dispositivo parrebbe netto e perentorio e comporta in ogni caso uno sforzo enorme da parte del management e dei soci per valutarne tutte le conseguenze, sia sul piano economico che occupazionale».

«Il Consiglio di Amministrazione si è riunito questo pomeriggio per una prima valutazione degli effetti del dispositivo, dando mandato ai propri legali e consulenti per una approfondita esamina della sentenza al fine di potersi riconvocare i primi di febbraio prossimo e cominciare a discutere nel merito e per convocare l’Assemblea dei Soci. Al momento qualsiasi interpretazione degli effetti del giudizio amministrativo sono prematuri e inopportuni».

«In ogni caso, dato che in questo momento in molti si agitano sulla scena politica per manifestare solidarietà ai nostri lavoratori, ricordiamo che gli unici che hanno sempre garantito una soluzione occupazionale (ed uno stipendio) ai dipendenti, in tutti questi anni di fermo impianto, sono stati proprio i vertici di Scarlino Energia Spa. Da anni si sono riempite le pagine dei giornali con proclami sulla necessità di trovare soluzione alternative all’incenerimento ma ad oggi non solo non è stata posata nessuna prima pietra, ma non è dato sapere neppure il chi, il dove, il come, il quando e il quanto. Con le parole i nostri dipendenti non mangiano. Con le parole i rifiuti non spariscono».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.