Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Legge di bilancio: «Duro colpo al volontariato. Pronta la proposta per reintrodurre le agevolazioni»

GROSSETO – «Manovra: un disastro per l’economia italiana e soprattutto per il volontariato. A gennaio Forza Italia, con una proposta di legge già pronta, tenterà di riportare l’aliquota agevolata al 12%» ad annunciarlo è la deputata maremmana Elisabetta Ripani.

«Tutti pazzi per la manovra, nel senso che c’è da uscire pazzi a leggerne il contenuto – dice Ripani – le Camere hanno avuto a malapena il tempo di decifrare il provvedimento, senza poter esaminare alcun emendamento che, tra un colpo di fiducia e l’altro, lontani dai riflettori della diretta televisiva negata, si è arrivati allo svilimento totale delle istituzioni democratiche del Paese, con il Parlamento ridotto a mera sala d’aspetto e passacarte. C’è poco da gioire. O meglio, gioirà Bruxelles che ha riscritto la manovra ai sovranisti sotto dettatura e, sicuramente, almeno per Capodanno, tornerà a respirare il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, senza avere il fiato sul collo dei due vice premier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini».

«Natale amaro invece per gli operatori del Terzo settore – spiega Ripani – tanta è stata la foga di abolire la povertà che Lega e M5s, con un colpo da maestri, hanno infiocchettato sotto l’albero il raddoppio dell’aliquota Ires agli enti no profit per sovvenzionare le mancette di Stato. Via l’aliquota agevolata del 12%, si torna a quella ordinaria del 24%. Vai poi a spiegare al sottosegretario dell’Economia, Laura Castelli, che gli enti senza scopo di lucro non possono in alcun modo distribuire gli utili e che è disumano tassare la solidarietà e fare la cresta sul volontariato. Dopo una poderosa protesta di Forza Italia, in quel di Palazzo Chigi hanno avvertito la gravità delle proprie scelte, hanno ingranato la retromarcia a vele spiegate con l’annuncio del premier Giuseppe Conte e dei vice premier che la norma sarà modificata a data da destinarsi».

«Ma intanto la manovra è diventata legge dello Stato e l’Ires per il volontariato è rimasta ferma al 24% – conclude la deputata – per avere una qualche garanzia dal Governo, ieri, domenica 30 dicembre, Forza Italia ha fatto approvare a Montecitorio all’unanimità un ordine del giorno che lo impegna a riportare l’Ires al 12%. Non solo: abbiamo già pronta una proposta di legge, che riporta anche la mia firma, da far calendarizzare e approvare subito a gennaio, per sanare un errore che avrebbe un impatto sociale devastante. Le agevolazioni fiscali hanno contribuito allo sviluppo del volontariato. È questione di umanità e buon senso: gli enti no profit sostengono malati, anziani e disabili fornendo importanti servizi. Dobbiamo aiutare chi aiuta a fare del bene e troppo spesso si sostituisce allo Stato in campo sociale e assistenziale. Per quanto mi riguarda nessuna pausa per le festività, sarò fin da subito al lavoro con il mio partito per indurre il Governo a correggere una stortura inaccettabile».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.