Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Verde pubblico, il Comune coinvolge gli esperti: «Via agli incontri per un piano di gestione condiviso»

GROSSETO – «Comune di Grosseto e Ordine dei dottori agronomi e forestali insieme per dialogare sulla gestione del verde urbano, sul superamento della fase della risoluzione delle sole emergenze e sulla pianificazione degli obiettivi a medio-lungo termine» a farlo sapere il Comune in una nota che illustra i risultati del recente incontro tra i due soggetti, nel corso del quale si è giunti alla conclusione di dotare la città di una pianificazione del verde urbano, sia in senso gestionale che impiantistico, e adottare un piano straordinario per la gestione della pineta costiera.

«Il piano – prosegue la nota – si dovrà basare sui turni di vita della alberature cittadine e sulle corrette modalità di sostituzione delle piante, da fare in base all’analisi delle criticità e tenendo conto dell’opportunità di reintrodurre in città nuovi impianti in compensazione».

«Siamo convinti che valga la pena investire in un verde di qualità – affermano il sindaco Antofrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore ai Lavori pubblici, Riccardo Megale – sia incrementandolo sia mantenendo in salute quello esistente, cercando di correggere errori gestionali e impiantistici del passato. E c’è sintonia con l’Ordine nel considerare discriminante l’età delle piante nella pianificazione degli abbattimenti: ci sono alberi pericolosi perché ormai a fine vita ed altri collocati impropriamente in spazi inadeguati che devono essere sostituiti».

Altro problema urgente da affrontare è quello delle pinete dove sono numerosi gli esemplari di pino, sia domestico che marittimo, secchi o con evidenti problemi fitosanitari.
«In questi casi sarebbero indispensabili interventi urgenti di abbattimento e distruzione delle piante morte e di quelle morenti – afferma Domenico Saraceno, presidente dell’Ordine – sia per motivi di profilassi fitosanitaria sia di prevenzione del rischio di crolli sulla sede stradale. È necessario passare da una gestione dell’emergenza ad una di programmazione complessiva: auspichiamo l’adozione di un piano straordinario per la gestione della pineta costiera, stimolando anche tutti gli Enti coinvolti nel processo di autorizzazione e gli altri proprietari, pubblici e privati, a prendere provvedimenti nelle aree non di diretta competenza del Comune».
L’Ordine dei dottori agronomi e forestali ed il Comune proseguiranno la collaborazione, condividendo l’approccio metodologico suggerito dai tecnici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.