Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Qualità della vita, l’appello: «Puntare su manifatturiero e infrastrutture per produrre ricchezza»

GROSSETO – «I recenti dati pubblicati dal Sole 24 Ore sulla qualità della vita nella Provincia di Grosseto confermano ancora che questo territorio ha fortemente bisogno di invertire alcuni fattori necessari alla crescita» a dirlo è Francesco Pacini, presidente della Delegazione di Grosseto di Confindustria Toscana Sud.

«Concentrandosi sui dati che fotografano l’andamento dell’economia – sottolinea Pacini – non possiamo ritenerci soddisfatti e dobbiamo lavorare insieme per invertire quelle posizioni che ci pongono, in Toscana, come fanalino di coda di molte classifiche. Il dato più preoccupante rimane certamente quello demografico dove siamo tra gli ultimi posti in Italia. Questo è un segno che ci indica che il nostro territorio non è appetibile per chi deve impiantare e crescere una famiglia, cioè i giovani, molti dei quali sono costretti ad emigrare per trovare un tipo di lavoro che qui non esiste».

«Siamo inoltre follower – dice ancora il presidente – rispetto alla classifica della quota di export sul PIL, sulle start up innovative e sul tasso di disoccupazione giovanile. Viceversa è stato giustamente evidenziato il primo posto che occupiamo nel numero di imprese registrate rispetto alla popolazione. Questo dato stride con quelli precedentemente enunciati e riflette da una parte una certa vivacità del nostro tessuto sociale nel cercare di trovare una risposta alle problematiche del lavoro, e di questo ne siamo molto soddisfatti, dall’altra scaturisce dalle caratteristiche delle nostre imprese, normalmente microimprese, soprattutto in ambito agricolo».

«Per uscire da questa situazione continueremo a dire sempre a gran voce – prosegue Pacini – che per recuperare il terreno perso, anche in termini di reddito pro-capite, dobbiamo esigere, come territorio, imprese, istituzioni e cittadini, le opere infrastrutturali di cui da sempre si parla ma che sono ancora ferme. Prima di tutto il corridoio tirrenico ma anche le infrastrutture provinciali secondarie, i porti e le ferrovie. Come industriali torniamo infine a ribadire l’importanza dello sviluppo dell’impresa manifatturiera, di qualsiasi ambito produttivo, che deve crescere in armonia con gli altri tradizionali settori produttivi quali il turismo e l’agroalimentare. In questo modo sarà possibile favorire l’export, elemento fondamentale per creare ricchezza nel territorio».

«Dobbiamo quindi favorire le condizioni per attrarre nuove iniziative imprenditoriali a partire da un nuovo approccio culturale che tutti dobbiamo assumere, aperto ed inclusivo – conclude il presidente – ne parleremo ancora nel nostro prossimo incontro, a cui tutti sono invitati, il prossimo mercoledì 19 dicembre alle ore 17.30 presso la nostra sede di Viale Monterosa al quale sarà presente Roberta Rossi Gaziano, consulente finanziario che parlerà di Lavoro e Impresa, Figli, Patrimonio: le grandi scommesse del futuro».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.