Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Personale sanitario in calo: «Servono subito tremila infermieri per garantire assistenza adeguata»

FIRENZE – «Secondo il rapporto OASI recentemente pubblicato, in Toscana, per ogni 100 infermieri presenti nel 2010 oggi ne abbiamo due in meno. Sono abilitati circa 21000 infermieri in Toscana a fronte di 3 milioni e
mezzo di abitanti, un rapporto infermiere/1000 abitanti di 6, quando la media Europea è di 8,4» a farlo sapere sono gli Ordini delle Professioni Infermieristiche della Toscana, in una nota.

«Se dovessimo basarci solo su questo gli infermieri a mancare sarebbero 8000 ma intanto, da subito, ne servono circa 3000. – sottolinea la nota dell’Opi – E’ questo, secondo il centro studi FNOPI, il numero di assunzioni necessarie in Toscana se vogliamo un equa distribuzione tra professioni. La necessità è motivata da una popolazione che è tra le più anziane d’Italia e d’Europa dove la cronicità, e quindi il bisogno assistenziale, è elevatissimo. Ma ad essere anziani e malati sono anche i professionisti (secondo un rapporto Cergas Bocconi almeno il 15% degli infermieri ha inidoneità lavorative) ed ecco perché il numero di infermieri occupati è un numero sovrastimato nella realtà dei fatti».

«Questa situazione – chiarisce l’Opi – ha dei rischi evidenti e sono i dati internazionali a parlare: ogni volta che si assegna un assistito in più a un infermiere (il rapporto ottimale in ospedale a bassa intensità sarebbe 1:6) aumenta del 23% l’indice di burnout, del 7% la mortalità dei pazienti, del 7% il rischio che l’infermiere non si renda conto delle complicanze a cui il paziente va incontro. Gli OSS invece sono aumentati dal 2010 di 8 unità ogni 100 e questo è un bene perché è personale di supporto importante e permette all’infermiere di evitare attività così dette demansionanti, anche se è bene ricordare che secondo un recente studio pubblicato sul BMJ la presenza di personale di supporto in sostituzione degli infermieri NON sortisce alcun effetto sul miglioramento degli esiti di salute, pertanto è da considerarsi strategia da disincentivare».

«Questa carenza cade proprio nel periodo storico in cui si sta implementando l’’infermiere di famiglia – sottolinea la nota – e di comunità che certo non potrà agire su un rapporto per abitante così elevato come adesso. Dove va meglio, infatti, si assesta su 1 infermiere/3000 assistiti (1 medico di medicina generale si definisce massimalista con 1500 assistiti per fare un confronto). Il rapporto ottimale dovrebbe prevedere, come dichiarato dal centro studi FNOPI, 1 infermiere di famiglia e comunità ogni 500 assistiti. C’è bisogno di infermieri nella riforma dei Pronto Soccorso che deve prevederne l’aumento per garantire percorsi see and treat e fast track, nell’aumento dei posti per cure intermedie (Ospedali di comunità) che sono a gestione infermieristica, per non parlare di tutte quelle attività specialistiche dove gli infermieri sono sempre più impegnati (PICC team, ambulatori medicazioni difficili, stomacare etc etc)».

«La graduatoria dell’’ultimo concorso Estar – conclude l’Opi – è praticamente terminata e troppi sono stati i colleghi assunti provenienti da altre Regioni che hanno già chiesto ed ottenuto mobilità e trasferimenti. Chiediamo quindi che si attivi velocemente una nuova procedura concorsuale che non preveda, come accaduto nella precedente, una preselezione. Sia perché tale scelta ha determinato esclusioni di colleghi corregionali che oggi paghiamo, sia perché il fabbisogno infermieristico è così elevato che ad avviso degli scriventi non vi è necessità di una preselezione che ha tra l’altro generato non pochi malumori. La procedura concorsuale deve quindi partire adesso, immediatamente. Ogni mese di ritardo rischia di paralizzare il sistema regionale Toscano nel domani».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.