Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

«Ennesima bocciatura, ci toccherà ripetere l’anno. Vivarelli Colonna ci toglie il futuro»

Più informazioni su

GROSSETO – «Nel presente di Grosseto i numeri raccontano quello che vediamo ogni giorno vivendo la città e la nostra grande provincia. Dopo Italia Oggi il Sole 24 ore conferma che la qualità della vita è peggiorata. Lo scrivo con amarezza perché voglio bene alla mia città e alla mia provincia, ma evidentemente le risorse sociali e naturali che abbiamo non bastano per frenare la devastazione di Vivarelli Colonna, sindaco e presidente della Provincia. I numeri sono la fredda rappresentazione di uno stato di crisi in un’area a bassa antropizzazione in cui il peso maggiore lo ha la città capoluogo». Con queste parole Leonardo Culicchi, segretario comunale del Partito democratico, commenta i risultati dell’indagine del Sole 24 ore sulla qualità della vita 2018.

«Ci hanno dato questi numeri 66° per Ricchezza e consumi. Il Sole 24ore usa una serie di indicatori per stilare la sua classifica: «Ricchezza e consumi», «Affari e lavoro», «Ambiente e servizi», «Demografia e società», «Giustizia e sicurezza», «Cultura e tempo libero». Grosseto perde 13 posizioni rispetto al 2017 e si piazza al 66esimo posto sulle 107 province italiane, penultimi in Toscana.  Siamo più poveri».

«52° per Affari e lavoro. Non c’è dinamica economica e quindi non c’è lavoro, non viene generato. Siamo più poveri.
59° per Ambiente e servizi.  Il nostro ambiente era una caratteristica forte e così i servizi, ora non più. Siamo peggiori.
105° per Demografia e società. Quasi in fondo tra 107, rappresentiamo una comunità che non ha fiducia nel futuro che non cresce. Con un  Tasso di natalità  al 101esimo posto e un indice di vecchiaia al 98esimo posto. Senza fiducia.
83° per Giustizia e sicurezza. Con un eccellenza per Delitti connessi a stupefacenti al 99esimo posto e Cause pendenti ultratriennali” al 98esimo posto. E abbiamo a Grosseto un assessore alla sicurezza…. Cosa ha fatto?
32° per Cultura e tempo libero. Un dato che non premia la città che abolisce la Città Visibile, ma quanto è stato prodotto dai Comuni nelle piccole località della provincia».

«Inutile fare giri di parole, basta di prenderci in giro! Il sindaco e presidente della Provincia non può fare il gioco delle tre carte con noi cittadini, punta il dito sulla Provincia per nascondere il suo operato in città! Ha responsabilità in entrambi i casi. Non se ne può più di questa distorsione della  realtà per prendersi gioco di noi con un finto percepito. Le associazioni di categoria se ne sono accorte da tempo e sono talmente prepoccupate della tempesta che sta arrivando che hanno abbattuto gli steccati delle provenienze o dei riferimenti politici e si sono aperte ad una collaborazione tra loro pur di cercare disperatamente idee e progetti comuni che rifondino l’economia grossetana».

«La voglia di non arrendersi c’è e lo dimostra il primo posto tra le registrazioni di imprese ma poi è una caduta libera proprio la dove il sindaco ha puntato i suoi fari pur di poter vincere, promettendo di eliminare paura ed insicurezza  e rendere tutto, benessere e bellezza».

«La Maremma e l’Amiata, Grosseto in particolare non può essere governata attendendo la sua liberazione da un prestigiatore dei comunicati, pensando a Vivarelli Colonna come un passaggio intermedio. Questa città e questa provincia, lo dicono i dati, ha bisogno urgente di essere governata con amore e competenza . Prima viene Grosseto poi tutto il resto, prima dei partiti, prima della propria carriera politica, prima di qualsiasi sogno parlamentare».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.