Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al Nautico l’automazione navale si fa con Arduino: l’associazione dona il materiale didattico

PORTO SANTO STEFANO – L’ Associazione Nautilus ha donato del materiale didattico ai ragazzi dell’Istituto Tecnico Nautico diPorto Santo Stefano per un progetto interdisciplinare: Elettrotecnica, Elettronica, Informatica, Navigazione Macchine ed impianti marini.

«Il progetto al quale parteciperanno i ragazzi delle quinte – spiega il presidente di Nautilus, Maurizio Amato – avrà una ricaduta sulle classi terze, che verranno formati dagli stessi compagni della classe superiore. Il materiale donato fa parte di un sistema chiamato Arduino. Arduino è una piattaforma open-source (made in Italy) di prototipazione elettronica basata su hardware e software flessibili e facili da usare. Un microcontrollore, pensato per hobbysti, ma diventato qualcosa di decisamente più grande».

Che cos’è Arduino
Arduino è una piattaforma elettronica open source distribuita con la licenza Creative Commons Attribution – Share Alike 2.5 e basata su componenti hardware e software di controlli semplici da utilizzare. Le schede Arduino sono in grado di captare e “interpretare” segnali e stimoli in arrivo dall’ambiente circostante – la pressione su un interruttore, un dito su un bottone o un messaggio su Twitter – e trasformarlo in un output – l’attivazione di un motore, l’accensione di una luce LED, pubblicare qualche cosa online. Nello specifico, Arduino è composto da un circuito stampato che integra un microntroller, un regolatore di tensione e un’interfaccia USB per collegarla al computer. I pin del microcontroller sono collegati direttamente alle porte di I/O (input e output) della scheda. I comandi da eseguire, invece, possono essere creati utilizzando il linguaggio di programmazione Arduino (basato su Wiring, a sua volta derivato da C e C++) e l’ambiente di sviluppo Arduino Software (IDE).

«I vari modelli di Arduino sono concepiti per l’automazione casalinga e industriale – conclude Amato – nel nostro progetto di automazione navale (domotica per la nautica) sia di piccole che di grandi dimensioni. Il board con microcontroller può essere utilizzato, ad esempio, per aggiungere uno scanner di impronte digitali, per automatizzare l’accensione del sistema di illuminazione degli esterni, un sistema d’allarme molto semplice, controllo automatico dei parametri di un motore e molto altro ancora».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.