Paolo Borsellino e le stragi di mafia: i libri donati al Comune. Saranno disponibili alla Chelliana

GROSSETO – “Paolo Borsellino e l’Agenda rossa” e “La Repubblica delle stragi” in dono al Comune di Grosseto.
I libri, offerti dal gruppo Agostino Catalano – Maremma del Movimento delle Agende rosse, saranno messi a disposizione dei cittadini attraverso la biblioteca Chelliana.

Il Comune di Grosseto ha ricevuto in dono tre volumi offerti dal gruppo Agostino Catalano – Maremma del Movimento delle Agende rosse, rappresentato dai coordinatori locali Patricia Ferreira e Guido di Gennaro.
Si tratta di due copie copie del libro dal titolo “Paolo Borsellino e l’Agenda rossa” e una copia del libro curato da Salvatore Borsellino dal titolo “La Repubblica delle stragi – 1978/1994 il patto di sangue tra Stato, mafia, P2 ed eversione nera”.

– L’agenda rossa fa riferimento all’agenda del 1992 che Paolo Borsellino aveva ricevuto in dono dall’Arma dei Carabinieri e sulla quale era solito appuntare riflessioni e contenuti dei suoi colloqui investigativi, soprattutto nei 57 giorni intercorsi tra la strage di Capaci e la strage di via D’Amelio. Quella tragica domenica di 26 anni fa il giudice ripose l’agenda nella sua borsa di cuoio poco prima di recarsi a casa di sua sorella Rita. L’agenda è stata trafugata dopo l’attentato e da quel momento se ne sono perse le tracce. La prima edizione del volume è stata
pubblicata nel 2009. L’edizione donata al Comune è invece quella del 25º anniversario della strage, pubblicata nel 2017.

– “La Repubblica delle stragi” è un libro storico-giudiziario curato da Salvatore Borsellino, scritto da Antonella Beccaria, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco, Stefano e Nunzia Mormile, Fabio Repici e Giovanni Spinosa, con la partecipazione di Marco Bertelli del direttivo delle Agende Rosse.

I volumi saranno sistemati nella nuova biblioteca comunale Chelliana per essere messi a disposizione di tutti i cittadini grossetani.

Commenti