Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giornata internazionale della disabilità, Pericci: «Serve meno ipocrisia. Progressi troppo lenti»

Più informazioni su

GROSSETO – Oggi, 3 dicembre, è la giornata internazionale delle persone disabili. Lo ricorda, con una lettera aperta, Luciana Pericci, coordinatrice della consulta per la disabilità. Vi proponiamo le parole di Pericci.

“Parlando di disabilità si rischia di essere retorici, ripetitivi, patetici. Fiumi di parole e di inchiostro persi nel tempo, coperti di polvere e di ragnatele, racchiusi nelle torri d’ avorio degli intenti e dei buoni propositi proclamate con enfasi nelle ricorrenze in certe occasioni d.o.c.. Invece poi, c’è la quotidianità fatta di fatica, resilienza, sfida, messa alla prova da una soffocante burocrazia, da continue certificazioni, superflue per richiedere ausili, servizi, assistenza, non sempre idonea. Percorsi minati, fra incompetenze, approssimazioni, rimbalzi di compiti e responsabilità, con la percezione sulla pelle, di indifferenza, insofferenza, talvolta di intolleranza. Fatica nel comunicare, nel far passare il messaggio in una società distratta, dispersiva, figlia di un sistema statico, oberato da vecchie criticità e nuove emergenze, reiterate e quindi croniche.

Disabili, categoria a parte, minoranza spesso disturbante la vista e la coscienza e la paura inconscia di chi ci incontra, scarsità di risorse, vuoti e incongruenze legislative e normative ancora tante domande senza risposte. Fatica come singoli, come principio, come consulta. Fatica come genitori, come madri impegnate a sostenere quel figlio speciale, privandosi di altre carezze…

E si rimane fuori dai negozi, da tanti eventi, da marciapiedi e stradine dissestate, sporche, ingombre, fuori da una classe senza insegnante di sostegno, da uno screening perché lo strumento non è adattabile. Fuori da un’idea di sessualità per noi. Fuori da una cultura inclusiva che ci consideri persone, cittadini, consumatori, turisti…

Nel tempo maggior consapevolezza di buone prassi ma progressi lenti, discontinui, non sistemici. E noi aspettiamo… vetrine multimediali parlanti, auto con guida computerizzata, ulteriori progressi tecnico-scientifici, prevenzione: aspettiamo più sorrisi e meno ipocrisie…”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.