Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Presentato a Follonica il libro di Salvatore Borsellino “La Repubblica delle stragi” fotogallery

Più informazioni su

FOLLONICA – È stato presentato questa mattina, a Follonica, presso la sala del consiglio comunale il libro «La Repubblica delle stragi – 1978/1994 il patto di sangue tra Stato, mafia, P2 ed eversione nera». L’incontro è stato promosso dal movimento delle Agende Rosse, gruppo Agostino Catalano, Maremma.

All’incontro hanno partecipato Stefano Mormile, coautore del libro, e Marco Bertelli e Angelo Garavaglia Fragetta del direttivo delle Agende Rosse. Il curatore del libro, Salvatore Borsellino, era presente in collegamento.

«La Repubblica delle stragi» è un libro storico-giudiziario curato da Salvatore Borsellino, con la prefazione di Marco Travaglio, e scritto da Antonella Beccaria, giornalista e scrittrice, Federica Fabbretti, blogger e Agenda Rossa, Giuseppe Lo Bianco, cronista giudiziario e autore di saggi sul rapporto tra mafia e politica, Stefano e Nunzia Mormile, fratello e sorella di Umberto Mormile, educatore del carcere di Opera (MI) ucciso dalla ‘ndrangheta, avvocato Fabio Repici, legale di Salvatore Borsellino e di altri familiari di vittime di mafia, Giovanni Spinosa, presidente del Tribunale di Ancona, con la partecipazione di Marco Bertelli del Direttivo delle Agende Rosse.
Tutti i diritti di autore vengono devoluti alla Casa di Paolo, il sogno di Salvatore Borsellino che è stato successivamente abbracciato da moltissime altre persone: far tornare Paolo alla Kalsa, il quartiere di Palermo dove il magistrato e i suoi fratelli sono nati e dove hanno vissuto da ragazzi. Dal 17 luglio 2015 i locali della vecchia farmacia della famiglia Borsellino in via della Vetriera e i locali attigui recuperati da un grave stato di degrado, si sono trasformati nella Casa di Paolo, un luogo vivo in cui i ragazzi a rischio del quartiere possono toccare con mano l’ottimismo di Paolo e trovare un’alternativa alla spirale di criminalità e illegalità (foto Giorgio Paggetti).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.