Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Figli di immigrati nati sul territorio: «Una mozione concede loro la cittadinanza. Che fine ha fatto?»

Più informazioni su

SANTA FIORA – Il circolo di Rifondazione Comunista scrive una lettera aperta al sindaco, Federico Balocchi, in relazione alla cittadinanza onoraria che da sei anni il Comune si è impegnato a dare ai figli di stranieri nati su suolo italiano e che, secondo il Prc, non sarebbe più stata conferita.

«Il Consiglio Comunale di Santa Fiora – spiega Rifondazione – con propria il  22 agosto 2012 approvò una mozione, presentata dai consiglieri Sergio Bovicelli (Prc) e Riccardo Ciaffarafà (Ripartiamo dalla Gente) relativa al conferimento della cittadinanza onoraria ai figli di immigrati nati nel nostro Comune».

«A seguito di questo atto approvato all’unanimità dai consiglieri, con l’astensione della rappresentante del Pdl – dice ancora il Prc – l’allora Sindaco Renzo Verdi, alcuni mesi dopo, esattamente il 13 dicembre 2012, con una importante cerimonia ufficiale avvenuta nella Sala del Popolo, mantenendo l’impegno preso dal Consiglio, conferì la cittadinanza ai bambini interessati. Tutto ciò premesso, vorremmo sapere dal Sindaco, considerando che quell’atto approvato e mai revocato, è tutt’ora valido, per quale motivo non sono state conferite altre cittadinanze onorarie. Forse non ci sono più gli aventi titolo? Oppure sono state conferite senza renderle pubbliche?»

L’atto ufficiale:
“ALLEGATO alla deliberazione C.C. n. 65 del 22.8.2012 MOZIONE PER IL CONFERIMENTO DELLA CITTADINANZA ONORARIA A TUTTI I MINORENNI NATI IN ITALIA E RESIDENTI NEL COMUNE DI SANTA FIORA.
IL CONSIGLIO COMUNALE DI SANTA FIORA, PREMESSO:
– che incontra ancora molte difficoltà il percorso culturale e legislativo in materia di acquisizione del diritto di cittadinanza per il passaggio dall’attuale regime dello «ius sanguinis» a quello dello «ius soli»;
– che il 26 novembre 2011 il Presidente della Repubblica, incontrando al Quirinale la Federazione Italiana delle Chiese Evangeliche, ebbe a dichiarare: «Mi auguro che in Parlamento si possa affrontare anche la questione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da immigrati stranieri. Negarla è un’autentica follia, un’assurdità»;
– che la Provincia di Grosseto ha deliberato di conferire la cittadinanza onoraria ai figli degli immigrati;
– che è negli intenti del Consiglio Comunale di Santa Fiora precorrere i tempi delle auspicabili modifiche legislative che assicurino il diritto alla cittadinanza italiana a tutti i nati nel territorio nazionale con un gesto simbolico ma concreto, manifestando forte volontà d’inclusione e di coesione sociale;
– che ciò è possibile conferendo la cittadinanza onoraria a tutti i bambini, comunque minorenni, figli
di stranieri ancora privi di tale diritto che da anni sono presenti nel nostro territorio, lavorano, studiano, usufruiscono dei servizi comunali contribuendo al loro finanziamento e partecipano attivamente alla vita sociale della comunità locale;
IMPEGNA IL SINDACO:
– affinché promuova il conferimento della cittadinanza onoraria a tutte le bambine e i bambini, comunque minorenni, nati in Italia e residenti a Santa Fiora, figli d’immigrati stranieri, a prescindere dallo status dei loro genitori, in segno di accoglienza nella comunità locale consegnando loro un kit offerto dal Comune
contenente una copia della Costituzione;
– ad inviare la presente mozione al Presidente della Repubblica e al Ministro alla Coesione e integrazione sociale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.