Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo cuoco professionista in Maremma, si è diplomato alla scuola internazionale: ecco chi è

Più informazioni su

GROSSETO – Edoardo Brinieri, 20 anni, di Grosseto, si è diplomato Cuoco Professionista, insieme con altri 68 ragazzi provenienti da tutta Italia. Brinieri ha svolto i cinque mesi di stage presso il Ristorante una stella Michelin “Gardenia”, a Caluso (Torino), avendo come mentore lo chef Mariangela Susigan.

Sono 69, hanno un’età media di 23 anni, provengono da tutta Italia, dal Friuli Venezia-Giulia alla Calabria, e sognano di seguire le orme di predecessori illustri come Stefano Deidda, Pasquale Laera, Alessandra Del Favero, Benedetto Rullo e Lorenzo Stefanini, che, iniziati ai segreti della professione nelle aule della Reggia di Colorno, hanno saputo affermarsi in cucina, conquistando l’ambita stella Michelin. Sono i diplomati della 41ª edizione del Corso Superiore di Cucina Italiana promosso da ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana.
Come afferma il Direttore Generale Andrea Sinigaglia, «In ALMA questi ragazzi hanno completato la prima tappa di un percorso di crescita, con risultati molto positivi. La risposta del mondo della ristorazione fine dining è stata subito positiva: tre dei nostri diplomati andranno a lavorare all’estero, tra Parigi e Londra. E, per quanto riguarda l’Italia, tra i loro nuovi datori di lavoro figurano un ristorante tristellato come ‘Da Vittorio’, un bistellato come ‘Agli Amici’ e diversi stellati, come ‘Accursio’, ‘L’Antica Corte Pallavicina’, ‘D’O’, ‘Del Cambio’, ‘Joia’. Il consiglio che diamo ai nostri ragazzi è quello di lavorare con tenacia e determinazione, puntando a migliorarsi sempre: studiando, confrontandosi con grandi interpreti della cucina d’autore, viaggiando, si possono apprendere nuove tecniche, si può arrivare all’elaborazione di abbinamenti innovativi e, per gradi, alla definizione di uno stile personale e creativo».

Tra i 69 diplomati della 41ª edizione del Corso Superiore di Cucina Italiana, i migliori studenti in assoluto sono stati la cuneese Giulia Barbero e il bergamasco Ramon Zaninoni. Proveniente da Piasco (CN), 21 anni, un diploma di tecnico agrario, Giulia Barbero lavora ora al Ristorante “Joia” di Milano, dove ha svolto anche i cinque mesi di stage: un’eccezione nel panorama dell’alta cucina perché quello di chef Pietro Leemann è l’unico ristorante stellato in Italia interamente consacrato alla cucina vegetariana. Si misurerà con lo chef Emanuele Scarello, invece, Ramon Zaninoni, 20 anni, di Endine Gaiano (BG): Zaninoni lavorerà infatti al Ristorante bistellato “Agli Amici”, in località Godia, a Udine. Anche Ramon, come Giulia, è stato assunto nella struttura dove ha svolto il periodo di tirocinio formativo.

Gli studenti del Corso Superiore di Cucina Italiana sono stati valutati da una commissione composta da 60 chef, tra docenti ALMA e visiting professor, per un totale di 31 stelle Michelin. Tra i presenti, Paolo Rota, sous chef del Ristorante “Da Vittorio”, Giuliano Baldessari, chef del Ristorante “Aqua Crua”, Davide Scabin, chef del Ristorante “Combal.zero”, Marc Lanteri, chef del Ristorante “Al Castello”, Antonella Ricci, chef del Ristorante “Al Fornello – da Ricci”, il neo-stellato Mauro Buffo, chef del Ristorante “12 Apostoli”, e Accursio Craparo, chef del Ristorante “Accursio”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.