Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Riqualificazione dell’Aurelia: «I lavori si faranno, ma aspettiamo gli atti ufficiali»

CAPALBIO. «Sin dall’insediamento di questo Governo, anche attraverso tutti i Parlamentari eletti nel territorio e i contatti nel tempo acquisiti presso il Ministero delle Infrastrutture, stiamo cercando come Amministrazione di avere riscontro circa il futuro della Tirrenica per i 12,5 Km di Capalbio» inizia così il commento di Luigi Bellumori, primo cittadino della piccola Atene, all’annuncio di Giannarelli.

«Km – dice ancora Bellumori – finiti nel limbo dopo gli esiti della project review promossa dal precedente Ministro. Un limbo procedurale, amministrativo nonche’ di reale effettuazione dell’intervento anche a seguito delle sostanziali modifiche intervenute nel tempo. La stessa Anas ha informato l’Ente che i noti 7 interventi individuati nel corso di un vertice in Prefettura a Grosseto nell’estate 2017, ritenuti prioritari e non rinviabili, pur avendo copertura, non potevano essere effettuati senza una delibera del Cipe che ne rimodulasse le determinazioni. Da alcune comunicazioni telefoniche avute nell’immediato pomeriggio di oggi, sembrerebbero superate per Capalbio le criticità che impedivano interventi infrastrutturali importanti anche nel breve termine».

«Sembrerebbe infatti – chiarisce il primo cittadino – che anche il lotto 5A venga ri-assegnato alla gestione Anas invece di Sat e che l’intera tratta sia oggetto di una riqualificazione straordinaria da Grosseto a Capalbio con Capalbio incluso con una tipologia di ammodernamento privo di pedaggio. Il condizionale è d’obbligo quando si parla di infrastrutture e soprattutto quando si parla di Aurelia nel tratto di Capalbio che tra i vari lotti si presenta con una corsia per ogni senso di marcia e innumerevoli incroci a raso. La notizia che trapela nel pomeriggio di oggi dal Ministero ha un qualche fondamento che trova contezza nel materiale documentale che il Ministero stesso ha richiesto all’Amministrazione Comunale che è stato prodotto ed inviato già dal luglio scorso».

«Un grosso lavoro di ricerca e approfondimento che il Comune di Capalbio ha potuto realizzare solo grazie all’importante appoggio e le competenze delle Associazioni Ambientaliste Italia Nostra, Legambiente, MaremmaViva, WWF e la Rete dei Comitati – sottolinea in conclusione il sindaco – che hanno lavorato insieme all’interno di una Commissione Locale istituita proprio per la sicurezza dell’Aurelia. A quello che sembrerebbe il new deal del Governo Conte rispetto alle sorti del lotto 5A Capalbio, pero’ dovranno seguire atti procedurali del Cipe o del Ministero di Competenza che vadano in parte a modificare le determinazioni assunte, altrimenti gli intendimenti, per quanto vadano nella direzione auspicata, resteranno intendimenti e sull’Aurelia si continuerà purtroppo a morire»

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.