Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Marras “operaio” fake contro Di Maio: la bufala lanciata in rete contro il Pd

Più informazioni su

GROSSETO – È di queste ore una delle ultime fakenews legate alla provincia di Grosseto e in particolare al consigliere regionale Leonardo Marras. Su facebook in un post, che porta il simbolo del Movimento 5 Stelle, è stata condiviso un fotomontaggio (più di 4mila condivisioni) che tra l’altro utilizza una foto originale del nostro giornale che indica Leonardo Marras, candidato del Partito democratico, come l’operaio che ha denunciato le irregolarità nell’azienda del padre del vicepremier Luigi Di Maio. In altre parole una super bufala per dire, falsificando la realtà e sfruttando la potenza della rete, che un candidato Pd, in questo caso Marras (che realmente è stato candidato in parlamento con il Pd, ma nel 2018 non nel 2014, altro errore) sarebbe la persona che avrebbe detto di essere stato assunto in nero dal padre di Di Maio. Una fakenews che è stata riconosciuta così da molti in provincia di Grosseto, ma non dal popolo del web. Per dovere di cronaca, l’uomo che ha dichiarato al programma televisivo “Le Iene” di essere stato assunto in nero nell’azienda del padre del vicepremier e ministro del lavoro è Salvatore Pizzo.

Una bufala che ha generato una serie di attacchi molto violenti sui social e che ha generato una falsa verità che sta circolando da alcune ore su facebook. A denunciarla sulla sua pagina istituzionale è lo stesso consigliere regionale Marras che scrive: “#fakenews Quanto ci vuole per finire nella macchina del fango dei moralisti da tastiera? Giusto il tempo di fare una grafica con informazioni false! Una delle tante pagine fake nate solo per aizzare il ‘popolo del web’ mi ha scambiato per l’operaio protagonista del servizio de Le Iene che dice di aver lavorato in nero per il padre del ministro Di Maio: hanno costruito un post prendendo un’immagine di febbraio 2018 e scrivendo falsità.
In poche ore un numero impressionante di condivisioni e di commenti offensivi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.