Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lavori bloccano l’accesso alle tombe: «Da tre anni non posso far visita ai miei cari. Sono indignato»

Più informazioni su

GROSSETO – Un cittadino, Francesco Donati, si è rivolto direttamente al presidente della Misericordia, Edoardo Bocci, per lamentare il fatto che i lavori bloccano l’accesso ad alcune tombe, fra cui quelle dei suoi cari, e per chiedere il motivo per cui tale intervento sta andando, secondo il cittadino, ben oltre il termine stabilito.

«Spettabile Presidente – scrive Donati, rivolgendosi a Bocci – lavori edili di cui lei è certamente a conoscenza, che dovrebbero essere effettuati nel loggiato alla sinistra dell’ingresso del cimitero della Misericordia, stanno impedendo, ormai da tre anni, il normale accesso alle visite e alla cura dei loculi dei defunti da parte dei familiari (chi le scrive è persona direttamente interessata). Si disse allora, che la durata di tali lavori si sarebbe protratta per un periodo non necessariamente lungo,  solo il tempo necessario ad effettuare alcuni importanti interventi conservativi e migliorativi che rientrano nei normali atti di salvaguardia di una struttura cimiteriale a tutela della stessa e della sua idoneità in favore dei frequentatori».

«Ciò non è avvenuto – scrive ancora Donati –  Né valgono le giustificazioni addotte da chi, credo ormai con forte imbarazzo, è costretto a motivare ciò con l’argomentazione della mancanza di risorse economiche. Per un’ istituzione come la Misericordia il rispetto verso i defunti e verso i loro familiari dovrebbe avere un significato superiore a quello specificatamente economico.
Gentile Presidente facendo appello alla sua sensibilità morale, ancor più che al suo compito prettamente amministrativo, le chiedo di dare spiegazioni di tutto questo e di illustrare pubblicamente la reale situazione gestionale amministrativa non solo ai soci, ma anche a chi, a pieno titolo, usufruisce dello spazio cimiteriale».
«Il tempo aumenta il disagio e l’indignazione – conclude Donati – ed essere indignati per cose di questo tipo non è cosa buona»

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.