Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Progetto Skate: il manuale internazionale di pattinaggio per bambini è made in Maremma

Più informazioni su

GROSSETO – Con la stesura del manuale internazionale di pattinaggio per bambini da 5 a 10 anni è calato il sipario sul progetto Skate, finanziato nel 2016 dalla Comunità europea con la linea Erasmus+Sport programme.

Nato da un’idea di Pierluigi Bonucci, braccio destro dell’allora presidente del Circolo Pattinatori Alberto Colombini, con la collaborazione di Myriam Lamela e i partner Sport Alenquer e Benfica, Reale Federazione spagnola di pattinaggio e Istituto Fossombroni, il progetto si è sviluppato in due anni con riunioni e lezioni dei tecnici (tra questi anche il Ct Mariotti e Brunelli) ai bambini: un laboratorio che ha permesso di dare vita, dopo una condivisione delle esperienze e del lavoro dei partner, ad un nuovo metodo di insegnamento che renda il pattinaggio (e lo sport in generale) un divertimento per i bambini.

«E’ arrivata a conclusione un’idea felice di Pierluigi Bonucci, con la collaborazione di Myriam Lamela – ha detto il presidente Stefano Osti- Il progetto che ha visto capofila del Circolo Pattinatori servirà a dare una linea sull’insegnamento del pattinaggio per bambini da 5 ai 10 anni di tutto il mondo, grazie alla stesura di un manuale interessante, realizzato insieme ai partner, due realtà importanti nel mondo dell’hockey di Spagna e Portogallo, nazioni nelle quali questo sport è popolare e di altissimo livello. In Italia siamo purtroppo uno sport di nicchia, ma il Circolo Pattinatori, dopo anni dedicati solo al settore giovanile per la difficoltà di avere un impianto adeguato, è ripartito con una seniores, un veicolo importante per riportare l’interesse di un tempo nella nostra città, svolgendo anche attività sociale, insegnando pattinaggio anche a bambini svantaggiati. Ringrazio tutti per il contributo dato per la buona riuscita del progetto e ribadisco il mio orgoglio di essere il presidente di una società dove ci sono persone che svolgono il loro lavoro in in maniera altamente professionale».

Il project leader di Skate, Pierluigi Bonucci, vicepresidente dei Pattinatori fino allo scorso anno, si è pubblicamente congratulato con il nuovo consiglio direttivo «per aver portato in fondo un progetto per il quale ho lavorato per sei-sette mesi, dopo averlo fatto partire insieme a Myriam Lamela. La nostra idea non è stata semplice da mettere in atto: in Italia non c’è l’abitudine di lavorare con l’Europa. Sono contento che il progetto sia stato ben valutato dal presidente Osti e dai suoi collaboratori».
Dopo aver fatto l’ultima riunione con gli altri partner, Ricardo Da Costae Rui Levesinhodello Sport Alenquer e Benfica, non hanno potuto partecipare alla conferenza stampa. Presente invece Fabio Carosi, grossetano, rappresentante della Reale Federazione Spagnola di pattinaggio: «Ringrazio per la fiducia che mi è stata accordata e per essere stato accolto come uno di famiglia. Come federazione spagnola siamo contenti di aver raggiunto tutti gli obiettivi tecnici e umani, soddisfazione maggiore per noi che ci dedichiamo anche ai bambini».
Il professor Amedeo Gabbrielli, insegnante dell’istituto Fossombroni, ha sottolineato che grazie a questo progetto «abbiamo iniziato ad avere un approccio a questa disciplina, all’hockey e al pattinaggio. La nostra palestra ospita da un paio d’anni i bambini dell’avviamento del Circolo Pattinatori e i nostri studenti potrebbero essere intessati all’hockey nel nuovo progetto alternanza scuola-lavoro che prevede l’affiancamento ad un tecnico esperto per seguire i bambini più piccoli».
«Un bel progetto – ha concluso l’assessore allo sport Fabrizio Rossi– che è servito reperire risorse. Il Circolo Pattinatori, con i suoi partner, oltre ad essere riuscito di vedersi approvare l’idea dalla comunità europea ha reso la città meno provinciale. E fa piacere che a metterlo in atto sia stato uno sport che ha un sua storia. Il Circolo Pattinatori ha fatto un ottimo lavoro e spero che queste iniziative possano ripetersi nel tempo. L’amministrazione comunale sarà sempre a disposizione per queste idee».

Nelle foto. Progetto skate1: da sinistra Rui Levesinho, Riccardo Da Costa, Stefano Osti, Fabio Carosi, Myriam Lamela.
Progetto Skate2: da sinistra Fabio Carosi, Pierluigi Bonucci, Stefano Osti, Fabrizio Rossi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.