Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Comune di Santa Fiora entra nell’anagrafe nazionale: la banca dati telematica andrà a sostituire le anagrafi locali

Più informazioni su

SANTA FIORA – Santa Fiora è il primo Comune della provincia di Grosseto ad essere attivo e operativo su ANPR, l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, ovvero la banca dati nazionale che sostituirà progressivamente tutte le anagrafi comunali.

Un risultato d’eccellenza, ottenuto anche grazie a Kibernetes, l’azienda che ha supportato il Comune in tutte le fasi del passaggio.

Nell’anagrafe nazionale dovranno confluire tutti i dati delle anagrafi dei 7978 Comuni italiani, diventando l’unico punto di riferimento per la pubblica amministrazione, le società partecipate e i gestori di servizi pubblici.

Un caso d’eccellenza, quello del comune di Santa Fiora che, dando seguito alle indicazioni del Ministero dell’Interno e dell’AGID, è diventato operativo sulla piattaforma in tempi davvero rapidi.

“Siamo i primi nella nostra provincia ad adeguarci alla normativa – dichiara Federico Balocchi, sindaco di Santa Fiora – abbiamo dato mandato all’Ufficio Anagrafe di operare più rapidamente possibile perché per noi è importante stare dentro all’anagrafe nazionale. Da questo passaggio ne trarranno dei benefici i cittadini. Solo per fare qualche esempio, risulteranno semplificate e velocizzate alcune pratiche come il cambio di residenza, l’iscrizione o la cancellazione dalle anagrafi”.

“Attraverso l’ingresso nella ANPR sarà più veloce e semplice anche lo scambio di documenti tra Enti – aggiunge Alessandro Ciaffarafà, assessore all’innovazione tecnologica del Comune di Santa Fiora  – avere un’unica banca dati consentirà ai non residenti di poter richiedere all’anagrafe di Santa Fiora certificati rilasciati da qualsiasi altro Comune già presente nel sistema.  Questa è una vera rivoluzione”.

“Le pratiche per il passaggio all’anagrafe nazionale sono state complesse e hanno richiesto una mole di lavoro notevole all’Ufficio demografico di Santa Fiora – prosegue Ciaffarafà – nonostante ciò, la motivazione legata a tutti i vantaggi che vedevamo nell’operazione, ci ha sostenuti nel superare ostacoli e difficoltà. Un ringraziamento particolare va a Stefano Vacca che ha seguito con grande sensibilità questa opportunità colta dall’amministrazione comunale”.

Un lavoro svolto in più fasi: un primo impegno importantissimo è stata la bonifica dei dati anagrafici con disposizioni spesso non chiare da parte del Ministero, unitamente all’allineamento dei Codici Fiscali dei cittadini con la banca dati della Agenzia dell’Interno. Non bisogna dimenticare, infatti, che dietro al subentro non c’è solo il software, ma tutto il lavoro di bonifica e di controllo effettuata dal personale del Comune, in collaborazione con Kibernetes, per quanto riguarda i dati locali.

“Il grande valore del servizio offerto da Kibernetes al Comune di Santa Fiora – spiega Daniele Di Curzio, Responsabile Servizi Tecnici di Kibernetes – è stato di aver lavorato fianco a fianco con l’Ufficio Servizi Demografici. Solidarietà, assistenza e professionalità nell’esecuzione delle varie fasi del lavoro hanno contraddistinto il nostro operato congiunto. Il supporto di un’azienda esterna, specializzata nelle tematiche affrontate, è fondamentale nell’affiancare e dirimere questioni tecniche complesse.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.