Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al via il meeting scientifico “Astri di Maremma” fotogallery

Più informazioni su

GAVORRANO – Al centro congressi di Gavorrano è in corso il meeting “Astri di Maremma”, il convegno scientifico promosso dal gruppo Amici del Cosmo, la Pro Loco e il Comune di Gavorrano. Tre giorni di incontri con la scienza che vogliono mettere in connessione il mondo della ricerca con quello della scuola e delle imprese del territorio.

I lavori del convegno sono iniziati questa mattina dopo i ringraziamenti del coordinatore Franco Balloni, l’introduzione del presidente del comitato scientifico, Francesco Zetti, e il saluto del sindaco di Gavorrano Andrea Biondi.

«Le testimonianze che ascolteremo in questi giorni – ha detto il primo cittadino – rappresentano un tentativo di ispirare l’ambizione di crescita dell’Alta Maremma. Un’ambizione che deve per prima cosa pulsare nelle vene e nei cuori delle giovani generazioni, oggi studenti, e in futuro ingegneri, ricercatori, imprenditori, agricoltori o altro, che sapranno eccellere nel proprio settore professionale solo se avranno l’ambizione di costruire il loro futuro in questo magnifico territorio, scrollandosi di dosso l’abitudine ad arrangiarsi, a sopravvivere, che il nostro passato agricolo e di sofferenza sembra averci appiccicato addosso».

La giornata domani sarà dedicata agli studenti di quarta e quinta superiore degli istituti scientifici di Follonica e Massa Marittima mentre i lavori si concluderanno domenica mattina con una tavola rotonda presieduta dal sindaco Andrea Biondi, con le dirigenze scolastiche, imprese, scienziati e giovani ricercatori.

Ma anche per i meno appassionati alla scienza, una vista al centro congressi in questi giorni vale la pena. La manifestazione ospita anche una suggestiva mostra di giocattoli antichi e degli aquiloni del maestro Fabiano Vignali con cui è stato allestito il piano terra degli ex-Bagnetti. Inoltre si può vedere il telescopio di Mario Olivotto, un modello funzionante della plastica dello smistamento delle piriti, costruito da Massimo Bertocci e i droni dell’associazione scarlinese Flyscabris.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.