Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La denuncia: «Chiude l’ambulatorio di colposcopia, rischi per la salute delle donne»

Più informazioni su

MASSA MARITTIMA – “Dei due ambulatori di colposcopia della Maremma, quello di Massa Marittima, che serve tutta la provincia e oltre, rischia di chiudere dopo 25 anni. Gravi le ricadute per i tempi d’attesa, che per l’ambulatorio di Grosseto già ora superano i 4 mesi, un tempo che va oltre gli standard previsti dai protocolli regionali”.

La denuncia arriva dai Cobas del pubblico impiego/sanità.

“A Massa Marittima – prosegue la nota – è previsto l’arrivo di un nuovo ginecologo in sostituzione del medico che andrà in pensione a fine mese. Il nuovo ginecologo, però, risulta non specializzato nelle colposcopie. Sostanzialmente sarà la quasi chiusura del servizio, che probabilmente resterà aperto 1 solo giorno al mese contro i 10 attuali. Gravi le responsabilità dei vertici dell’Asl, che da tempo sapevano del pensionamento del ginecologo e che avrebbero dovuto provvedere alla assunzione o alla formazione di un nuovo colposcopista.

L’ambulatorio di colposcopia di Massa Marittima effettua oltre 1.400 prestazioni l’anno. La loro ricaduta sulla colposcopia di Grosseto porterà ad un ulteriore allungamento dei tempi di attesa per le donne e ad un grave arretramento della sanità maremmana”.

“La colposcopia è un esame diagnostico di secondo livello per la prevenzione dei tumori della cervice uterina – ricordano i Cobas che poi attaccano –  Non si scherza con la salute delle donne.

Chi vorrà rendersi responsabile di un eventuale aumento delle patologie dell’utero per l’allungamento dei tempi di attesa? Chi vorrà rendersi responsabile di un sovraccarico di lavoro per gli operatori sanitari della colposcopia di Grosseto? Le strutture ospedaliere con poco personale non possono funzionare adeguatamente: bene l’entusiasmo per le nuove strutture, ma non si deve dimenticare che occorrono nuove assunzioni”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.