Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Usura e sovraindebitamento: in Toscana 120 mila persone vivono in povertà assoluta

Più informazioni su

FIRENZE – “Cinquantatremila famiglie e 120 mila individui in povertà assoluta ci fanno capire che la Toscana, in realtà, un problema con questo fenomeno ce l’ha”. Il presidente dell’Assemblea toscana, Eugenio Giani, interviene al convegno di presentazione  dello studio Irpet richiesto dalla Commissione sviluppo economico, “Il fenomeno dell’usura e del sovraindebitamento in Toscana”.

La ricerca Irpet, dice, mette in evidenza  cifre che costringono tutti “ad avere maggiore consapevolezza” e l’appuntamento in corso in palazzo Bastogi è “significativo e importante”,  specialmente in “un periodo come questo, in cui conosciamo quali sono le difficoltà di accesso al credito e i problemi di tante piccole e medie imprese che hanno risentito della crisi da un punto di vista economico. Il rischio dell’usura è qualcosa di molto pericoloso in Toscana”.

Qualcosa che appare dunque legato alla crisi, alla particolare struttura produttiva della nostra regione, ma anche al venire meno, sul territorio, del “credito di prossimità”.  “Avevamo un sistema bancario che si fondava sulla presenza degli sportelli sul territorio, in un rapporto diretto, di conoscenza”. Giani  fa la fotografia delle trasformazioni e degli assetti bancari in Toscana,  sull’onda delle crisi, ma anche per effetto delle recenti normative:  “L’accesso al credito per le nostre piccole e medie imprese diventa difficile, dovendo passare da un sistema nazionale”.

La stessa Firenze, il capoluogo, mostra come oramai anche la grande manifattura sia venuta meno, siamo in un sistema di piccole e medie imprese e del commercio. La legge del 1996, la 108, ha dato alcuni strumenti, come il fondo di assistenza alle famiglie;  la recente legge delega (2017) ha integrato quelle disposizioni. “La Regione in questo quadro è importante” dice il presidente, che annuncia la volontà, condivisa anche con altri consiglieri,  di intervenire sulla legge regionale,  rendendo più incisiva, con più risorse, l’attività di informazione e dei punti di riferimento ai quali, nel più assoluto anonimato, possano rivolgersi i soggetti a rischio”.  La ricerca Irpet costituirà, quindi, la base di lavoro per arrivare a formulare  la nuova legge regionale.

“Serve informare i cittadini e formare tutti gli operatori, quindi creare un tavolo di coordinamento: è già previsto dalla normativa regionale, che però non è applicata nella sua totalità. La Regione deve coordinare questo tavolo”.  Ilaria Bugetti, vicepresidente segretario della commissione sviluppo economico, tira le fila a conclusione dell’appuntamento che oggi, 15 ottobre, in sala delle Feste, ha portato esperti, politica e istituzioni a confrontarsi sul fenomeno dell’usura e del sovraindebitamento. Alla base dell’approfondimento della ricerca commissionata a Irpet (Il fenomeno dell’usura e del sovrindebitamento in Toscana) c’è – dichiara la consigliera –  “la situazione che ci preoccupa e che ci ha spinto a ricostruire un quadro regionale degli strumenti a disposizione, per lavorare e per stare più vicino possibile a chi è in difficoltà”.  I numeri, ricorda la consigliera, sono pesanti: “Oltre 50 mila famiglie cadute nella soglia di povertà in questi anni”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.