Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

PuliAmo le spiagge: studenti e volontari al lavoro per liberare il mare dalla plastica

PRINCIPINA A MARE – Cotton fioc, piccoli residui di plastica, polistirolo, rifiuti abbandonati e una canoa portata sulla spiaggia dal mare: è questo il resoconto della giornata dedicata alla sensibilizzazione dei cittadini e, in particolare, delle giovani generazioni nei confronti della marine litter.

Gentili, segreteria nazionale di Legambiente: “Quella di oggi è un’azione importante non solo nell’ottica dell’economia circolare e della raccolta dei rifiuti, ma anche dal punto di vista culturale. Il nostro più sentito ringraziamento va ai ragazzi e agli insegnanti che oggi ci hanno aiutati a liberare dai rifiuti la spiaggia di Principina a Mare, regalandoci una bellissima giornata di volontariato.”

PuliAmo le spiagge, campagna promossa da P&G e Carrefourcon Legambiente e in collaborazione con la Regione Toscanaquesta mattina è arrivata sulla Spiaggia delle capanne di Principina a mare. I volontari di Legambiente, con l’aiuto dei ragazzi delle classi 3B e 3C dell’Istituto agrario Leopoldo II di Lorena indirizzo Gestione ambiente e territorio, hanno liberato la spiaggia, selezionata in occasione di un contest che si è concluso nella primavera di quest’anno, dai rifiuti e dalle plastiche.

“Quella di oggi – ha dichiarato Angelo Gentili della segreteria nazionale di Legambiente – è stata una giornata molto importante. Con gli studenti dell’Istituto agrario Leopoldo II di Lorena abbiamo ripulito la Spiaggia delle capanne, un sito particolarmente significativo per Legambiente. L’attenzione quotidiana del Parco della Maremma nei confronti di questa parte di litorale è importantissima ma è fondamentale anche l’impegno dei singoli. In occasione dell’iniziativa di questa mattina, abbiamo liberato l’area da cotton fioc, piccoli residui di plastica, polistirolo, rifiuti abbandonati e, addirittura, da una canoa portata sulla spiaggia dal mare”.

“Dobbiamo invertire la rotta – ha continuato Gentili – e se non lo facciamo in tempi rapidi e con decisione avremo sempre più plastica in mare che si riversa nelle spiagge. Quella di oggi è un’azione importante non solo nell’ottica dell’economia circolare e della raccolta dei rifiuti ma anche dal punto di vista culturale: sensibilizzare le giovani generazioni ad avere un atteggiamento diverso e mantenere pulito il nostro ambiente per valorizzarlo è fondamentale per guardare al futuro con speranza”.

“Il nostro più sentito ringraziamento – ha concluso Gentili – va ai ragazzi e agli insegnanti che oggi ci hanno aiutati a liberare dai rifiuti la spiaggia di Principina a Mare, regalandoci una bellissima giornata di volontariato.”

“Quella di Principina a mare – sottolinea Legambiente – è una spiaggia che viene costantemente monitorata e ripulita dai volontari del Parco della Maremma e che rappresenta un vero e proprio fiore all’occhiello di tutta la costa sotto il profilo della salvaguardia dell’ambiente. Stando alle proiezioni scientifiche, nel 2050 in mare ci saranno più rifiuti in plastica che pesci. L’auspicio di Legambiente è che campagne come PuliAmo le spiagge possano riuscire a sensibilizzare sempre di più tutti i cittadini in merito all’emergenza globale della marine litter al fine di stimolare l’adozione di comportamenti sempre più sostenibili”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.