Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Grosseto accoglie le reliquie del Beato Paolo VI

Più informazioni su

GROSSETO – Saranno quattro giorni intensi di preghiera, di approfondimento culturale, di incontri quelli che la Chiesa di Grosseto offrirà dal 5 all’8 ottobre, quando la Città accoglierà alcune reliquie del beato Paolo VI, che il 14 ottobre Francesco proclamerà santo.

La Diocesi di Grosseto, attraverso la venerazione di alcune reliquie a lui appartenute, avrà modo di prepararsi al dono della canonizzazione del Pontefice che ha segnato, col suo apostolato, un tratto significativo della storia recente della Chiesa e la cui figura ha ancora bisogno di essere indagata e conosciuta meglio.

L’iniziativa è promossa dell’ufficio diocesano missionario, diretto da don Claudio Piccinini, che ha, così, inteso inaugurare il mese missionario incentrandolo sulla figura del Pontefice al quale, fra i tanti meriti, va ascritto anche quello di una apertura internazionale al ministero petrino. Restano impressi nella memoria di molti, infatti, i viaggi che Paolo VI, da “pellegrino di pace e carità” ha compiuto in Terra Santa, in India, all’Onu, in Turchia, in Uganda, nelle Filippine, nelle Isole Samoa, in Australia, a Fatima, in Colombia a Ginevra. Viaggi accompagnati spesso da gesti che sono entrati nella storia, a partire dall’abbraccio col patriarca ortodosso Atenagora, oppure l’appello alle Nazioni Unite perché cessasse nel mondo ogni tipo di guerra, o, ancora, la visita alle bidonville di Manila. Un Papa missionario, dunque, che per primo, dopo secoli, uscì dall’Italia e che non solo compì viaggi apostolici per portare la vicinanza del vicario di Cristo a tutti i popoli, ma ha lasciato anche documenti che hanno offerto contenuti importanti alla dimensione missionaria ed evangelizzatrice della Chiesa.

Le reliquie che sosteranno quattro giorni a Grosseto provengono dalla diocesi di Albano Laziale e una da Nomadelfia.

“Si tratta – spiega don Piccinini – di un frammento di talare del Pontefice, di un Evangeliario, di due stole e un biglietto autografo del Papa al suo ex segretario Mons. Bossi. Sono tutte reliquie che rimandano alla missione che questo straordinario Pontefice ha svolto nella Chiesa in tutti i compiti che lo hanno visto coinvolto e che hanno raggiunto il punto più alto negli anni del suo Pontificato, anni complessi perché attraversati dai profondi cambiamenti che dal ’68 in poi hanno interessato tutta la società, ma anche entusiasmanti. Basti pensare al Concilio Vaticano II, che proprio Paolo VI condusse a termine. Pregare davanti alle sue reliquie – continua il sacerdote – e riscoprire i tratti più significativi della vita e della personalità di Paolo VI significherà rimettere a fuoco un periodo della storia della Chiesa molto importante e ringraziare il Signore di aver donato al mondo Pontefici santi e di grande profondità e visione profetica”.

Le iniziative – Le reliquie saranno accolte in cattedrale, venerdì 5 ottobre, poco prima delle 18; poi sarà celebrata la Messa. Il pomeriggio, però, si aprirà con un altro appuntamento, sempre in cattedrale, dove alle 16.30 Paolo Trionfini, direttore dell’Istituto Paolo VI, terrà una conferenza su “Paolo VI un missionario moderno”. Infine la sera alle 21, sempre in Duomo, veglia missionaria di preghiera.

Sabato 6 ottobre giornata dedicate alla famiglia. Alle 17.30, in cattedrale, Rosario per le famiglie a cura dell’ufficio diocesano di pastorale familiare e alle 18 Messa prefestiva, in diretta su Tv9.

Domenica 7 ottobre, giornata per i consacrati e le consacrate, sarà la parrocchia di San Francesco il luogo delle iniziative. Alle 16 don Sandro Spinelli animerà l’incontro, promosso in collaborazione con l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, “Paolo VI pellegrino: il primo papa in Terra Santa”; alle 18 Messa missionaria che sarà animata dai consacrati presenti in Diocesi.

Infine lunedì 8 ottobre alle 10, in cattedrale, Messa di saluto delle reliquie e alle 16 Messa nella cappella dell’ospedale Misericordia rivolta in modo speciale agli operatori della carità (fu infatti Paolo VI a creare la Caritas), ai malati e agli anziani.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.