Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ritardi nella consegna della corrispondenza, il sindaco incontra Poste italiane

MASSA MARITTIMA – Si è svolto oggi, venerdì 28 settembre, un incontro tra Comune di Massa Marittima e Poste Italiane sui ritardi eccessivi che da qualche settimana si stanno registrando nella consegna della posta sia nel capoluogo che in alcune frazioni come Prata, Tatti e Niccioleta. Nei giorni scorsi infatti il Sindaco e la Giunta hanno raccolto le indicazioni dei cittadini che lamentavano disagi sull’intero territorio e le informazioni pervenute, anche a mezzo social, sono state utili per illustrare nel dettaglio le problematiche riscontrate da molti utenti di Poste.

All’incontro, sollecitato dall’Amministrazione comunale, hanno partecipato il sindaco Marcello Giuntini, Paolo Pinzani responsabile comunicazione di Poste Italiane Area Umbria e Toscana, e Laura Innocenti responsabile servizio recapito per Grosseto, Livorno, Pisa, Lucca e Massa Carrara.
Il sindaco ha chiesto loro come intendono risolvere questi disservizi e ripristinare il prima possibile una corretta consegna delle lettere. Le Poste, dal canto loro, hanno giustificato i ritardi nel fatto che dal 10 settembre è stata avviata una riorganizzazione del servizio in provincia di Grosseto e problemi analoghi si stanno registrando in tutta la Maremma. Questo a causa del cambiamento che la consegna della posta sta vivendo in questo periodo con la diminuzione di quella tradizionale a vantaggio di altre forme di consegna, dalla distribuzione dei pacchi ai servizi postali tenuti da imprese private. Nei comuni di Massa Marittima, Montieri e Monterotondo la consegna della posta è divisa in otto zone che fino al 10 settembre erano servite da altrettanti portalettere. Da quella data i postini sono solo quattro ed effettuano il servizio ognuno in due zone e a giorni alterni.

Una nuova modalità che è già in atto nelle altre province toscane e che, nella fase iniziale, hanno precisato i responsabili di Poste Italiane, è la causa dei ritardi. Questo perché spesso i portalettere, che hanno cambiato la loro area di consegna e che ne hanno una nuova, non conoscono ancora bene le zone e questo non è irrilevante in un territorio montano, vasto e con casolari sparsi o piccoli agglomerati come quello delle Colline Metallifere. Da parte di Poste c’è stata tutta la volontà e l’assicurazione che il servizio andrà presto a regime con la fine dei disagi. “E’ stato un incontro positivo – ha sottolineato il sindaco Marcello Giuntini -, anche se non è una buona notizia il fatto che è stato ridotto il numero dei portalettere e che la posta sarà consegnata un giorno si e un giorno no. Tuttavia la speranza è che si arrivi quanto prima ad una normalizzazione del servizio. Lavoreremo per questo e da parte nostra c’è tutto l’impegno a controllare, informando e sollecitando costantemente Poste Italiane sulla situazione delle consegne– ha concluso il primo cittadino di Massa Marittima -, anche in base alle segnalazioni dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.