Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

«Dai 18 anni percorsi formativi nelle forze armate» Ripani firma la proposta

Più informazioni su

GROSSETO – «Forza Italia ha presentato una proposta di legge, a prima firma del deputato Matteo Perego di Cremnago, che ho sottoscritto con convinzione, per l’istituzione di percorsi educativi e di formazione specializzata nelle Forze armate rivolti ai giovani dai 18 ai 22 per un periodo non inferiore a sei mesi» a parlare è Elisabetta Ripani, deputato di Forza Italia.

«L’adesione è su base volontaria – nel pieno rispetto della libertà di scelta – e l’accesso è aperto a tutti quei ragazzi motivati ad avvicinarsi all’ambito militare e ad apprendere i valori connessi alla Difesa. Al termine del percorso è previsto il rilascio di un attestato di idoneità che potrà essere speso in ambito universitario, con il riconoscimento di crediti formativi, o in ambito lavorativo. Potranno prendere parte all’iniziativa i cittadini italiani tra i 18 e 22 anni con il diploma di istruzione secondaria di secondo grado, con il pieno godimento di diritti civili e politici e che non abbiano commesso determinati reati. Miriamo così a promuovere la disciplina ma anche il senso di appartenenza alle istituzioni e lo sviluppo di un senso civico fondamentale per la vita futura dei nostri ragazzi».

«Vogliamo dare la possibilità ai giovani di decidere spontaneamente, e quindi con convinzione, di trascorrere un periodo in un reparto militare che li formi e li aiuti a crescere con sani principi, con risvolti positivi per lo studio e per il lavoro – afferma Ripani -. Va da sé la nostra posizione contraria alla leva obbligatoria, controproducente per i giovani che vedono sottrarsi per imposizione un anno di vita allo studio e al lavoro, sia per la Difesa stessa che, dinanzi a nuove sfide e nuove minacce, necessita di un esercito di professionisti motivati e preparati. Convinti dell’utilità sociale, morale e culturale della proposta, chiederemo al presidente della Camera, Roberto Fico, dopo un’opportuna valutazione con gli altri gruppi, se sussistano le condizioni per approvare la proposta direttamente in commissione così da poter accelerare i tempi».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.