Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Successo del primo raduno bandistico: «Diventerà un appuntamento fisso»

GROSSETO – Domenica sera al Cassero a partire dalle 19:30 si è tenuta la serata conclusiva del Primo raduno bandistico città di Grosseto, organizzato dalla Filarmonica Grossetana e patrocinato dall’Istituzione “Le Mura” e dal Comune di Grosseto.

«Dopo una cena buffet, con piatti tipici della Maremma offerta agli orchestrali dall’Istituzione – raccontano i promotori dell’iniziativa in una nota – alle ore 21 sono state aperte le porte al pubblico per assistere a un doppio concerto presentato da Mauro Mancianti, presidente della Filarmonica Grossetana, che ha ringraziato per il sostegno e la collaborazione l’Istituzione “Le Mura”, rappresentata nell’occasione dalla vicepresidente Francesca Maggi, e la consigliera provinciale Olga Ciaramella».

Il primo a esibirsi è stato il Corpo bandistico “Giuseppe Verdi” di Magliano, poi il maestro Michele Makarovic ha guidato la Società filarmonica “Città di Grosseto” assieme a quella “Pietro Mascagni” di Poggio Murella. I repertori hanno alternato musiche più classiche a melodie con originali arrangiamenti bandistici.

«L’intera manifestazione – prosegue la nota – iniziata sabato 8 settembre con la passeggiata e sfilata sulle Mura Medicee da parte della Banda di Carate Brianza, ha trovato così la propria splendida conclusione nel suggestivo scenario del Cassero Senese, in linea con quanto voluto dal sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna, dal vice Luca Agresti e dal presidente dell’Ististuzione Le Mura, Alessandro Capitani».

«Un evento che, visto il grande successo riscosso – conclude la nota – l’Istituzione, in sinergia con la Filarmonica cittadina, intende riproporre anche per gli anni a venire».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.