Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nasce il Polo bibliotecario grossetano, inserito nel Servizio bibliotecario nazionale

Sottoscritta una convezione tra Comune di Grosseto e il MIBA per garantire un più ampio accesso e una migliore circolazione e conoscenza del patrimonio librario e documentario

Più informazioni su

ROCCASTRDA – Creare e sviluppare un polo provinciale all’interno del Servizio bibliotecario nazionale partendo dall’esperienza della Rete Biblioteche e Archivi di Maremma. E’ questo il fulcro della convenzione sottoscritta dal Comune di Grosseto e dal Ministero dei beni e delle attività culturali per l’adesione della Rete al Servizio bibliotecario nazionale con l’obiettivo di garantire un accesso più ampio e una migliore circolazione e conoscenza del patrimonio librario e documentario.

Gli impegni del Polo. Il Polo lavorerà per incrementare il catalogo collettivo del Servizio bibliotecario nazionale, formare e aggiornare il personale delle biblioteche che ne fanno parte, dotarsi dei servizi informatici necessari, garantire l’adozione di tutti gli standard previsti dal progetto da parte delle biblioteche partecipanti al Polo; coordinarsi con l’Istituto centrale per il catalogo unico e le attività bibliografiche del Servizio bibliotecario nazionale e svolgere il ruolo di riferimento e coordinatore delle biblioteche per ogni tipo di iniziativa che si renda necessaria nell’ambito della cooperazione e della promozione della cultura.

“Il Polo grossetano inserito nel Servizio bibliotecario nazionale – afferma Emiliano Rabazzi, presidente della Commissione di Sistema della Rete Biblioteche e Archivi di Maremma – rafforza il ruolo della Rete Biblioteche e Archivi di Maremma nella promozione e nella fruizione del patrimonio culturale messo a disposizione dai suoi soggetti e potenzia ancora di più i servizi rivolti agli utenti. Negli ultimi mesi la Rete è cresciuta molto, aprendosi a nuove tecnologie e opportunità che la stanno consolidando come punto di riferimento per la crescita culturale e sociale delle comunità locali e dei singoli territori, stimolando anche collaborazioni e sinergie. Continueremo a lavorare in questa direzione contando su crescenti adesioni e il supporto della Regione Toscana che ha sostenuto anche l’adesione al Servizio bibliotecario nazionale e che ringraziamo”.

 

“L’opportunità di avere il Polo grossetano nel Servizio Bibliotecario Nazionale, grazie soprattutto al MIBACT con cui si sono stipulati la Convenzione e il Piano di Lavoro – aggiunge Luca Agresti, vicesindaco e assessore alla cultura del Comune di Grosseto, Centro di rete delle Biblioteche e Archivi di Maremma – favorisce l’ulteriore visibilità del patrimonio bibliografico e  documentario della provincia di Grosseto appartenente agli enti locali e ai tanti istituti di grande rilievo culturale che aderiscono al Sistema. La Maremma è una terra ricca di storia e tradizioni uniche al mondo, che costituiscono l’eccellenza del nostro territorio, e le biblioteche e gli archivi rappresentano la fonte principale da cui attingere informazioni per facilitare la ricerca e l’approfondimento. Il punto di forza del Polo grossetano va ricercato proprio nella condivisione delle scelte politiche e organizzative relative al catalogo, in linea e nella continua programmazione di attività comuni di formazione e condivisione delle risorse”.

 

La Rete delle Biblioteche e Archivi di Maremma. I Comuni che fanno attualmente parte della Rete Biblioteche e Archivi di Maremma, costituita nel 1999, sono: Arcidosso, Castell’Azzara, Castel del Piano, Castiglione della Pescaia, Follonica, Gavorrano, Grosseto, Magliano in Toscana, Manciano, Massa Marittima, Monte Argentario, Monterotondo Marittimo, Orbetello, Roccastrada, Scansano e Scarlino. Insieme a loro, la Rete comprende attualmente anche la Provincia di Grosseto, l’ISGREC, Istituto Storico Grossetano della Resistenza e dell’Età Contemporanea, la Fondazione Grosseto Cultura – con le biblioteche di Clarisse Arte e del Museo di Storia Naturale – la Fondazione “Luciano Bianciardi” di Grosseto, l’Istituto statale di istruzione superiore “Antonio Rosmini” di Grosseto, l’Istituto statale di istruzione secondaria “Leonardo da Vinci” di Arcidosso e il Polo Liceale Grossetano.

I servizi. Nelle strutture aderenti alla Rete Biblioteche e Archivi di Maremma è possibile consultare e leggere libri e riviste; usufruire del prestito, anche interbibliotecario, di libri, anche in lingua straniera, riviste, dvd, cd musicali, audiolibri e tablet con decine di libri digitali; consultare il catalogo collettivo on line e accedere alle sezioni librarie e documentarie per bambini e ragazzi; consultare fondi locali, antichi e archivi storici e accedere a postazioni Internet e alla biblioteca digitale attraverso la piattaforma MediaLibrary On Line. Le biblioteche, inoltre, ospitano spesso iniziative culturali, quali incontri con autori, laboratori di lettura per adulti e bambini, mostre, spettacoli teatrali e appuntamenti ludico-didattici per utenti più piccoli. Tutti i servizi sono gratuiti e per usufruirne è sufficiente registrarsi presso una delle strutture aderenti al Sistema documentario integrato grossetano con la tessera sanitaria. Per informazioni e per conoscere tutti i servizi della Rete, è possibile consultare anche il sito www.bibliotechemaremma.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.