Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maremma 2.0: a Baccinello si paga in bitcoin. Ecco chi accetta la criptovaluta

Più informazioni su

BACCINELLO – I turisti di tutto il mondo apprezzano la Maremma per le sue caratteristiche naturali e storico-culturali. Oggi hanno un motivo in più per visitarla e trascorrere qualche giorno tra le sue meravigliose colline: a Baccinello, piccolo borgo grossetano a cavallo tra i comuni di Roccalbegna e Scansano, le criptovalute saranno ben accette a partire dal 2 agosto. Esattamente 60 anni dopo la scoperta, a 200 metri di profondità, dello scheletro intero dell’Ominide vissuto a Baccinello oltre 8 milioni di anni fa: l’Oreopithecus bambolii ribattezzato Sandrone dai minatori locali. La scoperta, che ha dato lustro internazionale al borgo minerario di Baccinello, è avvenuta proprio il 2 agosto 1958.

La Comunità di Baccinello, una delle prime in Europa a farlo, lancia il progetto #CryptoMaremma. Grazie a una iniziativa promossa dal laboratorio di idee FattoriaLAB, il resort che coniuga sul territorio turismo esperienziale, ambiente e innovazione, un gruppo di piccole aziende e imprenditori locali si tuffa verso il futuro dei pagamenti in criptovaluta.

Prima comunità in Toscana e in centro Italia, Baccinello si apre a tutti coloro che desiderano pagare in Bitcoin. Oggi, insieme ad altre criptovalute, i Bitcoin rappresentano una delle forme di pagamento emergenti per molti turisti, soprattutto stranieri, che sempre più si avvicinano al mondo “cripto” e che raramente trovano esercizi commerciali tradizionali disposti ad accettarle.

L’idea, innovativa per il turismo del territorio e per il neonato distretto di qualità di Baccinello, ha riscosso successo tra gli operatori locali che hanno deciso di procedere concretamente attivando i propri “portafogli” (wallet) sulla italianissima piattaforma Conio (www.conio.it).

La Maremma, a iniziare da Baccinello, diventa territorio di applicazione della forma più nota della tecnologia blockchain. Il turismo internazionale, sempre attento al mercato italiano, apprezza la possibilità di utilizzare anche le criptovalute come sistemi di pagamento e #CryptoMaremma è una proposta concreta in questa direzione.

Le attività che hanno già aderito all’iniziativa sono:

–        FattoriaLAB – Resort

–        FER-MONT S.A.S. – Azienda commerciale

–        Ida Podda – Inc. commerciale

–        La Quota di Setulio – Azienda agricola di Andrea Valurta

–        Massimiliano Ottaviani – Azienda agricola

–        Metal Work – Carpenteria meccanica

–        Ofec srl – Automazione industriale

–        Podere Macchiapeschi di Pasquale Quitadamo – Azienda agricola

–        Poggio all’Oca – Agriturismo di Elisabetta Santori

–        Sergio Fontani & Moira Piccinelli – Network Marketing

–        Silvia Valurta – Alimentari

–        Tecnomedia di Raimondo Brocca – Elettronica ed impianti

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.